Lory Del Santo difende Donald Trump: "Rispetta le donne, non mette le mani addosso"

La Del Santo, a Un giorno da pecora, difende a spada tratta Donald Trump dalle accuse di essere uno che non rispetta le donne.

lory-del-santo-2.jpg

Lory Del Santo è una che di uomini ne capisce e che ha tanti aneddoti da raccontare. Lo ha dimostrato anche a fine marzo, raccontando a Un giorno da pecora, su Radio 2, il suo flirt con il candidato repubblicano alla presidenza degli Stati Uniti Donald Trump:

Non abbiamo 'concluso' perché lì non c’era nulla, nemmeno un letto. Diciamo che lui è attratto dalla bellezza ed è uno che va al sodo, a cui piace concludere.

Sarà per questo che Gorgio Lauro e Geppi Cucciari l'hanno voluta nuovamente interpellare, nella loro trasmissione, in relazione allo scandalo sollevato dal New York Times, che ha intervistato 50 donne che accusano il candidato repubblicano di comportamenti "discutibili", commenti sessisti e umiliazioni. Lory, dal canto suo, definisce "stupidaggini" i contenuti di questa inchiesta e al telefono difende a spada tratta il magnate americano:

"È uno che rispetta le donne, ti fa capire che gli interessi, ma non è una persona che ti mette le mani addosso".

Nessuna umiliazione o comportamento scorretto, quindi, da parte di un uomo che tutte vorrebbero conoscere. E la Del Santo racconta persino un aneddoto che riguarda Carla Bruni:

"Le umiliazioni sono quelle che senti quando ti lascia: nel senso che poi tornerai a fare un tipo di vita diverso. Tutte le donne vorrebbero stare con lui, si strappano i capelli. Anche Carla Bruni ha voluto conoscerlo: erano sul Concorde, lei si alzata per andare in toilette e gli ha lasciato, sul sedile, il suo biglietto da visita. Lo so per certo. Le donne, quando c'è un uomo di un certo tipo, lo vogliono conoscere. Metti Mick Jagger: uno così è ovvio che lo vuoi conoscere no?"

Ma allora si tratta di un complotto ai danni di Trump? Ne è certa Lory, che chiosa a modo suo:

"Uno come lui non ha bisogno di molestare. Sono le donne ad essere aggressive con lui. Io non discuto se è vero o non vero, discuto solo il tempismo. Certe donne si fanno avanti solo quando ci sono dei giornalisti disposti a pagare, è strano che hanno avuto una vita per parlare e lo fanno solo adesso, in questo momento così sospetto. Adesso non ci puoi credere. Sono 50 donne in cerca di denaro, altrimenti la loro dichiarazione l'avrebbero fatta a tempo debito. Donald non è uno che ha bisogno di andare alla ricerca di donne che non gliela vogliono offrire".

Infine, ecco arrivare una massima "alla Lory" che ci dobbiamo segnare, e che riguarda gli uomini ricchi, non belli, ma interessanti a modo loro:

"Trump è uno che conquista a prima vista: non solo ha questa allure che è ricco, ha anche questa allure che non è bruttissimo, è generoso. E' quell'uomo che è brutto ma sembra bello, ha quella bruttezza che definirei greca..."

Se lo dice lei, non ci crediamo.

  • shares
  • Mail