Ivana Spagna incontra Wanda Fisher: “Ho ritirato la querela, speriamo di non doverne fare un’altra”

Le due cantanti si sono incontrate a Domenica Live.

Ivana Spagna e la sua sosia Wanda Fisher si sono incontrate per la prima volta durante la puntata odierna di Domenica Live, il programa condotto da Barbara D’Urso e in onda su Canale 5.

Come ricordiamo, Wanda Fisher, corista e cantante, è stata accusata da Spagna di aver organizzato serate, spacciandosi per lei. La cantante veronese ha querelato due volte la sua sosia ma ha deciso di ritirare successivamente la querela in entrambe le occasioni.

Ivana Spagna e Wanda Fisher hanno provato a chiarirsi. Nonostante la doppia intervista sia avvenuta in un clima ilare, tra molte risate, Spagna non ha sostanzialmente cambiato idea sull’attività di Wanda Fisher.

Le prime dichiarazioni di Spagna:

Ho ritirato la querela per la seconda volta. Non mi sono mai rifiutata di incontrare Wanda Fisher. Non rifiuto mai le persone. Ho posticipato soltanto due autografi davanti alla tomba di Padre Pio e davanti la madonnina di Lourdes. Wanda Fisher, in passato, ha avuto un coraggio da leone! Guarda caso, tutti i suoi vestiti sono uguali ai miei… Mi è diventata pure simpatica però quando esagera così… A me fa sorridere perchè le dice troppo grosse…

Quando Wanda Fisher è entrata in studio, si è creato un clima di comprensibile imbarazzo. La reazione di Ivana Spagna:

Vederti mi mette gioia perché mi diverte la cosa…

La Fisher, quindi, ha cominciato subito a difendersi:

Parlando di me, hai descritto una persona che non sono. Hai detto che mi spaccio per te e non è vero. Credimi. Quando si fanno le serate, l’imprensario è quello che si occupa della pubblicità. Io mi sono arrabbiata molto con l’imprensario. E’ la verità.

Wanda Fisher, vero nome Vanda Radicchi, quindi, ha mostrato la locandina della serata “incriminata”, facendo notare il suo vero nome ben visibile. Secondo Spagna, però, la locandina è molto somigliante alla copertina dell’album Lupi Solitari.

Le dichiarazioni di Ivana Spagna:

Ho ritirato la querela, speriamo di non doverne fare un’altra. A Fondi e a Roma, sono andata a fare le serate e mi hanno detto che tu ti eri esibita qualche settimana prima di me, spacciandoti per me. A me farebbe piacere chiudere la storia ma non voglio passare per scema. Ora che ti sei fatta conoscere, farò la tua sosia! Questa locandina è uguale alla copertina di Lupi Solitari. E’ un caso?

Wanda Fisher, non temendo reazioni di perplessità, ha risposto che la somiglianza tra la sua locandina e la copertina dell’album di Spagna è una coincidenza:

E’ una coincidenza, ve l’assicuro! Mi sono sempre comportata bene, non mi sono mai spacciata per te. Quando mi avvicinano, io dico sempre che non sono Ivana e loro pensano che io me la tiri… Non so più cosa dire…

Wanda Fisher ha aggiunto che non ha mai copiato il look da Ivana Spagna ma ha ammesso di essere diventata ufficialmente sua sosia durante un periodo in cui i sosia andavano di moda:

Ivana era da Costanzo, io ero a casa a fare il caffè. Cominciarono ad arrivarmi le telefonate, mi dicevano che ero in tv… Ho acceso la tv e ho visto Ivana uguale a me. Io sono sempre stata così. Il mio look è sempre stato questo. Questo è il mio naso naturale. Te lo giuro su Dio. Io ho imparato i pezzi di Ivana dopo che è scoppiato il boom dei sosia e dopo la sua partecipazione a Sanremo con Gente come noi. Non avevo mai cantato in italiano e mi sono messa di buona lena a imparare i tuoi pezzi. Spesso facciamo le serate in gruppo con altri sosia.

Spagna non è contraria al fatto di avere una sosia ma chiede soltanto maggiore chiarezza in futuro:

E’ giusto fare la sosia. Fa anche piacere avere dei sosia. Avevo cinque sosia in Francia ai tempi di Easy Lady. Però tutto era ben chiaro. Preferisco chiuderla qui, sperando che non me ne combini altre…

Wanda Fisher, nel finale di intervista, ha anche nuovamente rigettato l’accusa di aver trattato male un bambino, rifiutandogli un autografo.

I Video di Gossip Blog