Renée Zellweger, le critiche al suo viso non la toccano

Renée Zellweger ignora gli hater: “Non fanno parte della mia vita”

A pochi mesi dal ritorno sul grande schermo di Bridget Jones – il terzo capitolo, Bridget Jones’s Baby, uscirà a settembre – Renée Zellweger, che al personaggio dell’imbranata giornalista inglese deve buona parte del suo successo, ha dato via ad un tour promozionale a sostegno del film.

Ieri mattina, ospite del talk show americano Today, l’attrice 46enne non si è potuta esimere dal rispondere ad una domanda sull’ironia che nel 2014 aveva fatto seguito ad una sua apparizione sul tappeto rosso: in quell’occasione, la Zellweger era stata derisa per via di un improvviso e misterioso cambio dei connotati facciali, per le malelingue causato da un intervento di chirurgia plastica finito male (o bene, a seconda di come la si vuole vedere).

La Zellweger ha risposto confessando di non essere preoccupata dai commenti degli hater, anche perché, per sua stessa ammissione, l’attrice non ha molto a cuore le crudeli dinamiche dei social media.

Non fa parte della mia vita. Fa parte del mio lavoro, ma non me ne accorgo fino a quando non metto piedi in questa arena. A casa mia, la cosa non mi raggiunge. Non frequento i social media, quindi non vedo nulla. Preferisco avere esperienze reali.

Nel 2014, commentando le indiscrezioni circolanti sul suo aspetto, l’attrice Premio Oscar aveva spiegato la sua apparente trasformazione con una ritrovata pace interiore.

Sono contenta che le persone pensino che abbia un aspetto diverso. Conduco una vita diversa, più appagante: ne sono così entusiasta che forse si vede anche dal di fuori. Sto bene. Per molto tempo non è stato così. Avevo una tabella di marcia che non era realisticamente sostenibile, non mi prendevo cura di me stessa. Invece di fermarmi per ricalibrare la mia vita, ho continuato a correre fino a quando non mi sono completamente esaurita.

I Video di Gossip Blog