Grande Fratello 2015, Alessia Marcuzzi: "Federica non era la mia pupilla. Tifavo per Peppe"

Il bilancio di Alessia Marcuzzi della quattordicesima edizione del Grande Fratello

12_04_2015_14_01_41.jpg

Al settimanale Chi, in edicola oggi, Alessia Marcuzzi ha analizzato le dinamiche del Grande Fratello 14 in particolare gli amori nati all'interno della casa tra cui quello tormentato tra Lidia e Alessandro:

Le storie d'amore dipendono strettamente dalle storie di vita. L'approccio con il sesso dei concorrenti è incredibilmente legato al loro passato, al rapporto con i genitori, alle esperienze, belle o drammatiche, che hanno vissuto.

Anche la finalista Federica, indicata come la preferita della conduttrice, ha canalizzato su di sè tutta l'attenzione, rendendo più vivo il reality:

Non pensavo che sarebbe arrivata così in alto e non era la mia pupilla come qualcuno ha detto. Figuratevi che io tifavo per Peppe ed è uscito dopo due puntate! Federica ha una doppia natura: quella di una bambina indifesa e quella di una donna che può farti capitolare, è una ragazza che fa i conti con le proprie contraddizioni e sa quale lato mostrare per conquistare le persone. Ha un passato complicato, ha vissuto esperienze forti che traspaiono e i concorrenti dalla personalità complessa mi hanno sempre affascinato perché risvegliano il mio istinto di protezione, le ho sempre cercate nel GF. Il pubblico l'ha subito amata e sostenuta, come nel caso di Mauro Marin, perché molti si identificano nelle persone che non sono del tutto risolte.

E' una dichiarazione di scontata vittoria?

  • shares
  • Mail