Laura Pausini: "Paola? Realizzata solo da quando sono madre"

Laura Pausini si gode le gioie della maternità grazie alla figlia Paola

laura-pausini.jpg

In contemporanea all'uscita del suo nuovo album di inediti, Simili, Laura Pausini ha rilasciato una lunga intervista a Vanity Fair per raccontare le gioie della maternità che hanno reso ancora più frizzante il suo ritorno sulle scene musicali:

Grazie a Paola, i due anni più belli della mia vita. Anche a livello professionale, perché lavorare sapendo che a casa c’è lei ad aspettarmi riempie tutto di significato diverso.

La cantante sogna di dare un fratellino o una sorellina alla sua primogenita, consapevole di aver provato, dopo tanti sacrifici, la gioia più grande:

Non è una cosa che mi sento di chiedere a Dio. So cosa vuol dire desiderare un figlio che non arriva, so che per una donna è una delle cose più frustranti e dolorose, così dolorosa da non poterla spiegare. E siccome ho tante amiche e conoscenti in questa situazione, a Dio dico: non te ne chiedo un altro, ma dallo per favore a quelle lì, che lo aspettano e non arriva.

Da rodata mamma, la Pausini è maturata donna, artista, compagna:

Prima mi mancava tutto, non bastava la musica a completarmi. Forse non dovrei dirlo, ma io mi sento davvero realizzata solo da quando sono madre. (...) Mi sento più forte. Anche nel lavoro: da quando c’è Paola non ho paura a dire dei no, sono più capace di scegliere da sola. (...) Perché sono stata troppo male, prima. Perché l’unico mio vero sogno è lei.
  • shares
  • Mail