Riccardo Scamarcio sarà in copertina su Vanity Fair, a corredo di una lunga intervista del settimanale, da domani in edicola, in cui si parla anche di amore. Ma, se pensate di trovare la risposta al perché lui e Valeria Golino non si siano sposati, resterete delusi:

Un attore non dovrebbe parlare della sua vita privata […] Le parole sono uno strumento freddo per raccontare fatti e sentimenti che, nell’istante stesso in cui vengono trasformati in forma verbale, sono già morti.

Taglia corto il bel Riccardo, che però della compagna, al suo fianco da 10 anni e di 14 anni più giovane, dice:

Mi piace perché è una ragazzina.

E sarà per questo che la loro relazione dura da così tanto, anche se il matrimonio che sembrava ormai cosa certa non c’è stato:

Spesso ho bisogno di rimettermi in discussione, ricominciare, trovare nuovi stimoli, anche a costo di complicarmi la vita. Questi momenti sono pesanti da vivere, ma fondamentali per evolvere […] La mia vita parla per me: sto da dieci anni con la stessa donna.

Stare insieme, però, non è sempre facile, e Scamarcio spiega quindi la sua idea dell’amore:

Puoi sbatterti finché vuoi, ma se le cose devono finire, finiscono. L’amore è un sentimento che sfugge completamente al nostro controllo. Possiamo proteggerlo, stimolarlo, lavorare per tenerlo acceso, ma ha anche qualcosa di inspiegabile, di mistico, di alchemico, per cui non si può né indurre né controllare. Qualcosa di atavico, di viscerale, la parte più profonda di noi stessi.

Avrà ragione lui?

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Dichiarazioni e interviste Leggi tutto