La puntata di Estate in diretta di lunedì 31 agosto 2015 ha dedicato un blocco alla parabola di Fabrizio Corona. I toni si sono subito surriscaldati in studio, soprattutto per la dura posizione espressa da Giampiero Mughini sui personaggi lanciati dall’ex agente fotografico e da Lele Mora:

“C’è stata una catena di mostri, di sgualdrinelle e sciacquette senza arte né parte. E di bagnini”.

Ana Laura Ribas, in quanto presente in studio ma anche immortalata nel servizio andato in onda, si è sentita tirata in causa:

“Vorrei solo puntualizzare che c’erano tante immagini di me accanto alle sgualdrinelle. Allora sarò una sgualdrinella anch’io? Siccome io in questa agenzia ci sono stata e ho visto le immagini… non erano tutti così, così come non credo che tutti siano colti e studiosi come lei purtroppo nel mondo”.

A dare il proprio contributo alla conversazione non poteva mancare il Direttore Roberto Alessi:

“Molte meglio le sgualdrinelle di tante altre che sembrano figlie di Maria. Io capisco questo atteggiamento intellettualistico di giudicare là dove c’è un po’ di musica, un bicchiere di spumante e una bella ragazza in minigonna, poi c’è una con la vena varicosa, la donna lunga e il Vangelo, allora questa è una santa”.

Elegantissimo, come sempre, l’intervento della signora Silvana Giacobini:

“Io ho vissuto come Direttore di Chi e di Diva e donna questa fantasmagorica esibizione, piacevole, che attirava tanti turisti. Portava un indotto di panini, ristoranti, balli. E Mora ha costruito anche Corona, che ha cominciato come valletto portamicrofono di una trasmissione che conducevo io. Era di famiglia molto buona, il padre, Vittorio, era un giornalista di gran prestigio. Il figlio avrebbe voluto rapidissimamente ripercorrere la stessa strada al massimo del denaro corrisposto ed è stato deviato dalla retta via. I magistrati hanno applicato il massimo della pena senza nessuna possibile interpretazione di attenuante”.

Poi è andata in onda un’intervista a Lele Mora che ha ripercorso i motivi della sua rottura con Fabrizio:

“Io dal 2009, quando Aida Yespica era rimasta incinta, avevo venduto questo scoop, allora c’erano soldi, annuncio dell’incitamento, la nascita e il battesimo. Viene a trovarmi, con l’occhio lui è molto furbo e attento a tutto, aveva guardato questo contratto. Dopo poco mi chiama Silvana Giacobini, dicendo ‘Fabrizio Corona me l’ha proposto’. Io ho capito che lui abusava della mia amicizia per raccogliere soldi e non ne aveva bisogno. Lì ho interrotto qualsiasi rapporto, uno che rovina il lavoro di una mia artista per prendere dei soldi… non ne valeva la pena”.

La stessa Ana Laura ha poi commentato:

“Mi dispiace, erano veramente tanti amici”.

A seguire si è parlato di Nina Moric e della lite che l’ha vista protagonista su Instagram con un ragazzo disabile (con tanto di controreplica di lei sul fatto che le hanno manomesso l’account). Se Ana Laura ha cercato di difendere la collega, dicendo che “purtroppo Nina usa male i suoi social, magari risponde nei momenti in cui lei non è proprio felicissima o ce l’ha con altre persone”, Mughini non ha avuto alcuna pietà:

“Si toglie la patente alla gente, perché non si tolgono dai social gli autori di porcate? Il web è pieno di questa roba. Se io parlassi male di Cecchi Paone sul giornale mi fa una querela e pago 25.000 euro, sul web si può dire di tutto. Ma perché?”.

A unirsi a lui è stato Cecchi Paone:

“Questa signorina è famosa senza ragione. Sa cantare, sa recitare, sa scrivere? Diventano famosi questi personaggi orrendi, vuoti”..

To be continued…

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Televisione Leggi tutto
I video di Pinkblog Guarda di più