Naike Rivelli: "Yari Carrisi? Lo osservo e imparo. Simili nell'anima da zingari"

Naike Rivelli follemente innamorata di Yari Carrisi e della mamma Ornella Muti

yari-naike.jpg

Dalle pagine del settimanale Gente, Naike Rivelli rompe, per la prima volta, il silenzio attorno alla propria storia d'amore con Yari Carrisi, nata durante l'avventura a Pechino Express. Come testimoniato da alcuni scatti su Instagram, la figlia di Ornella Muti ormai è in pianta stabile nella tenuta di Cellino San Marco di proprietà di Al Bano:

Lo osservo e imparo. Per me Yari è un maestro.

Alla mamma famosa, Naike è legatissima:

Ci assomigliamo: siamo esuberanti, caciarone, ci piace essere circondate di gente. Poi però abbiamo bisogno di ritrovare il “centro”, l’equilibrio, grazie alla spiritualità. Pratichiamo la meditazione e lo yoga: ci aiutano a stare meglio e vivere con più energie.

La viaggiatrice in erba non avverte il peso dei 40 anni:

Ma io non me li sento assolutamente i 40 anni! Per me l’età non esiste. Durante Pechino Express con mio fratello minore Andrea [che, come la sorella Carolina, è nato dal matrimonio della Muti con Federico Fachinetti, ndr] spesso sentivo di essere la meno matura: era lui, di 13 anni più giovane, a essere protettivo nei miei confronti. Sia mamma che io abbiamo sempre fatto affidamento su di lui. E poi mi è sempre piaciuto giocare e scherzare con gli amici di mio figlio Akash, che ora ha 19 anni. Mi sento tanto ragazzina, come Alice nel paese delle meraviglie che proclama: “Io non sono pazza, è solo che la mia realtà è diversa dalla vostra!”.

Con Yari, le cose sembrano procedere per il verso giusto:

Le nostre famiglie sono sempre state amiche, ma prima di Pechino Express io non lo conoscevo assolutamente. Ho scoperto in lui una persona speciale: siamo simili nell’anima da zingari, ma, al contrario di me, lui è riservato e non ama che si parli della nostra storia. Invece si è ritrovato catapultato al centro dell’attenzione, poverino!
  • shares
  • Mail