Mel Gibson ha aggredito una fotografa?

Fotografa accusa Mel Gibson: "Pensavo volesse darmi un pugno in faccia"

gettyimages-482307848.jpg

Kristi Miller, una fotografa del quotidiano inglese Daily Telegraph, ha accusato Mel Gibson di averla aggredita. Stando alla versione della donna, l'attore le avrebbe messo le mani addosso al termine di una proiezione dell'Australian Israeli Film Festival, kermesse cinematografica in programma in questi giorni a Sydney, in Australia.

La "colpa" della Miller sarebbe stata quella di aver immortalato Gibson insieme alla sua nuova fidanzata Rosalind Ross. L'attore e regista Premio Oscar - sempre secondo la presunta vittima - avrebbe primo spinto la fotografa e, successivamente, l'avrebbe apostrofata con aggettivi che definire poco gentili sarebbe riduttivo (fra gli altri, "disgustosa" e "inutile").

Al momento dell'aggressione, Gibson - ha raccontato la Miller - era "rosso in faccio" e "fuori controllo". "Pensavo che mi avrebbe dato un pugno in faccia", ha aggiunto la fotografa. Così non è stato, fortunatamente, ma l'interprete 59enne ha fatto in modo che la Miller non dimenticasse l'incontro/scontro:

Mentre mi urlava contro, sputava. Mi ha chiamato "cane" e diceva che non ero neanche un essere umano e che sarei andata all'inferno. Continuava a dire parolacce e mi ha chiamato una stornz@.

Sarebbe stata la fidanzata del vecchio Mel ad impedire che la situazione degenerasse, intimando il suo celebre compagno di dare un taglio alla scenata. Nonostante l'intervento e le scuse avanzate della Ross, la fotografa ha segnalato l'accaduto alla polizia. Nel frattempo l'addetto stampa della star ha seccamente smentito la versione della Miller

Non è la prima volta che Mel Gibson si rende protagonista di episodi simili. L'incidente più famoso risale al 2006, quando il divo ne disse di cotte e di crude all'agente della polizia stradale che l'aveva arrestato per guida in stato di ebrezza.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail