David Gandy e la beneficenza: "Le persone famose devono fare qualcosa per gli altri"

Le dichiarazioni 'filantropiche' del modello al quotidiano The Indipendent.

david-gandy.png

Quando si dice avere proprio tutte le qualità possibili! Parliamo di David Gandy, modello divenuto celebre per lo spot del profumo Dolce&Gabbana in cui usciva dalle cristalline acque di Capri per salire a bordo di una barca, sembra avere tante pregi. Non solo la bellezza, che è oggettiva ed innegabile anche per l'invidioso occhio maschile, ma anche la generosità (oltre una laurea in marketing).

Pare infatti che il modello britannico sia molto attivo nell'ambito delle iniziative di "charity", beneficenza, rivolte soprattutto alle scuole. Con il marchio M&S, di cui è attualmente testimonial, sta partecipando al programma‪ #‎SparkSomethingGood‬ che si occupa del rifacimento di alcune scuole di Londra. Al quotidiano britannico The Indipendent ha spiegato quanto il fare qualcosa per gli altri debba essere un preciso dovere per i personaggi famosi e privilegiati:

Le persone famose devono fare qualcosa per gli altri. Siamo persone fortunate e privilegiate pur non essendo nulla di speciale. È nostro dovere aiutare e non stiamo facendo nulla per salvare vite umane o dare un contributo alla lotta contro il cancro. Non penso che nella moda si faccia abbastanza per la beneficenza.

L'impegno sociale di David viene però largamente riconosciuto e, come aggiunge l'articolo del The Indipendent..

Gandy è anche in procinto di essere nominato ambasciatore per Achievement for All (AFA), un ente di beneficenza che lavora con i bambini considerati vulnerabili, svantaggiati o che hanno difficoltà di apprendimento e le loro famiglie, per coinvolgere e incoraggiare le loro aspirazioni, dando loro una migliore possibilità di successo.

Proprio un uomo da sposare, non è vero?

  • shares
  • Mail