Fabrizio Corona, lettera di Don Mazzi: "Dentro sei pieno di arte, creatività e bontà"

Don Mazzi ha scritto una lettera aperta a Corona su Di Più.

don-mazzi-corona.jpg

Fabrizio Corona ha trovato in Don Mazzi un vero e proprio padre spirituale: il sacerdote, come sappiamo, l'ha accolto nella sua comunità Exodus dove sconterà il resto della pena dopo essere stato scarcerato.

Don Mazzi, dalle pagine di Famiglia Cristiana, aveva così commentato la vicenda dell'ex agente fotografico dopo l'affidamento alla sua comunità:

È vero che Corona non è un minore e un adolescente, che ha fatto cretinate inspiegabili e smargiassate infinitamente stupide. Ho parlato a lungo con lui di queste cose. La giustizia, però, l’ha trattato in modo assurdo.

Per spiegare una volta e per tutte come sta adesso Fabrizio Corona e per replicare a quanti hanno storto il naso davanti alla notizia, il sacerdote ha deciso di scrivergli una lettera aperta sulle pagine del settimanale Di Più. Innanzitutto la precisazione che essere in comunità non significa essere privilegiati in quanto Corona lavorerà come gli altri, ma soprattutto per gli altri.

Il religioso spiega anche come e perché ha preso a cuore la vicenda umana e processuale dell'ex marito di Nina Moric e che si tratta di un uomo da salvare dal carcere

In Corona Don Mazzi ha visto oltre l'immagine da duro - come argomenta nella missiva - che ha portato la gente a farsi una certa idea di lui, ossia il protagonismo. Ma si è detto anche convinto della parte vera di Corona fatta di bontà e autenticità.

  • shares
  • Mail