Valentina Nappi: "Se Matteo Salvini diventa premier, me ne vado dall'Italia"

L'attrice a luci rosse è stata intervistata durante il programma La Zanzara.

valentina nappi

Vi porgo un quesito.

Se il vostro nome venisse proposto per una trasmissione televisiva Rai ma la tv di Stato decidesse di porre il veto assoluto sulla vostra partecipazione, su quale alternativa professionale vi buttereste a capofitto?

Valentina Nappi, una delle più note attrici a luci rosse italiane a livello internazionale, non ci ha pensato su due volte:

Alla Rai non mi hanno voluto, meglio così. Sono andata in America a fare una gang bang anale con dieci neri.

Preso appunti?

Ma facciamo ordine...

Valentina Nappi, attrice hard napoletana scoperta da Rocco Siffredi e ora famosa anche negli Stati Uniti, avrebbe dovuto partecipare a Nemico Pubblico, programma satirico di Giorgio Montanini in onda su Rai 3. La Rai, però, non ha accontentato la richiesta di Montanini e, di conseguenza, la Nappi non ha potuto prendere parte al programma.

La Nappi, di conseguenza, è partita per gli States dove ha girato materiale pornografico in quantità industriale: quindici scene al mese per quattro mesi di duro lavoro.

L'attrice 24enne ha raccontato la propria esperienza americana in un'intervista rilasciata durante il programma radiofonico La Zanzara:

L’ultima scena che ho girato è stata appunto una gang bang con dieci neri. In quattro mesi ho girato 15 scene al mese, ogni scena è una giornata di lavoro. Ma ormai non ci sono più i film, ma raccolte di scene. Non ci sono più i budget. Ho guadagnato meno di 100mila dollari ma non faccio il porno per guadagnare. Mi piace, è bello e impegnativo. Immaginate di gestire dieci persone con un pisello, non è facile. Loro non hanno nessuna voglia di stare sul set, vorrebbero la donna tutta per sé. Ma col porno faccio esperienze sessuali che non potrei fare.

La dedizione di Valentina Nappi per il sesso e per la pornografia è assoluta. L'attrice napoletana ha fornito la propria personalissima delucidazione riguardo il binomio sesso-arte:

La storia nel porno non conta: il porno è solo eccitarsi e masturbarsi. La storia è per la letteratura, per il cinema di altro tipo. Il porno è più vicino alla video-arte, la storia non conta. Invece molte persone hanno voglia dell’idea di sesso, non del sesso in quanto tale. Per questo ha successo 50 Sfumature di grigio che è una cagata. Io invece sono eccitata dal sesso e voglio fare le gang bang.

Passando dal porno alla politica, Valentina Nappi ha espresso tutta la propria idiosincrasia nei confronti di Matteo Salvini, segretario della Lega Nord:

Se Salvini diventa premier in Italia me ne vado. Certe istanze non vanno rappresentante politicamente. Bisogna mettere fuorilegge la Lega. E poi piuttosto di andare con Salvini mi faccio suora. Dicono che piace e ha pure una fidanzata. Mi sono sorpresa, se prima pensavo male del genere femminile ora penso peggio.

Se dovesse lasciare l'Italia, la Nappi opterebbe per un trasferimento in pianta stabile negli Stati Uniti:

Ho sempre un visto numero uno per gli Stati Uniti, un visto da artista per straordinarie abilità. Cioè, per intenderci, il mio culo è considerato un’abilità dal governo Usa, posso tornare a fare i porno quando voglio. Non è tanto male questo governo americano.

Solitamente, in questi casi, si utilizza il modo di dire "fuga di cervelli".

Questa volta, si dovrebbe fare un'eccezione...

  • shares
  • Mail