Avril Lavigne ha la malattia di Lyme

A letto per cinque mesi: "Pensavo di morire"

People dedica il numero di questa settimana ad Avril Lavigne. Dopo mesi di indiscrezioni e timori - vi ricordate quando chiese ai suoi fan di pregare per lei? - la cantante canadese ha rivelato l'entità del malanno che la affligge da ormai quasi un anno.

Scopriamo così che Avril è affetta dalla malattia di Lyme. Leggendo Wikipedia scopriamo che la condizione è causata da "un batterio spiraliforme, che infesta le zecche, le quali possono trasmetterlo all'uomo e agli animali.I luoghi nei quali è più facile contrarla sono le zone boscose e ricche di cervi, dal momento che queste rappresentano l'habitat ideale per le zecche". Insomma, una roba non mortale, ma comunque fastidiosa e, soprattutto, da tenere costantemente d'occhio.

Non avevo idea che il morso di un insetto potesse fare questo. Sono rimasta a letto per cinque mesi. Mi sembrava di non riuscire a respirare, non riuscivo a parlare e a muovermi. Pensavo di morire.

La malattia è stata diagnosticata alla pop-star soltanto sul finire del 2014, dopo mesi in cui Avril aveva accusato stanchezza e frequenti mal di testa.

iHeartRadio Music Festival Village - Show

Ad accompagnare Avril nella lunga degenza ci ha pensato la madre, che nel frattempo si era trasferita nella casa della figlia, e il marito Chad Kroeger - già, pare che stiano ancora insieme - fra una tappa e l'altra del nuovo tour mondiale dei Nickelback.

Ci sono stati momenti in cui non sono riuscita a farmi una doccia per una settimana perché riuscivo a malapena a stare in piedi. Mi sentivo come se qualcuno mi avesse prosciugato della vita.

I fan non hanno mancato di portare il proprio sostegno alla loro beniamina, con messaggi di incoraggiamento e video. Adesso potranno dimostrare la fedeltà alla "causa Lavigne" acquistando il nuovo singolo, Fly, in uscita a fine mese. Non avrete mica pensato che quella finta ribelle di Avril volesse soltanto rassicurarvi sulle sue condizioni di salute? Ingenui: aprite il portafoglio, è ora.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail