Laura Pausini: "È il momento più felice della mia vita"

Le dichiarazioni della cantante, intervistata da La Stampa.

Per Laura Pausini questo è un momento di grandi successi: dalla Russia all'Australia, dal Messico alla Spagna, la cantante raccoglie i frutti di una vita dedicata alla musica. Ventidue anni di carriera e oltre 70 milioni di dischi venduti per la Pausini, che però ha trovato la felicità soprattutto nella vita privata, con l'amore del suo chitarrista Paolo Carta e la nascita della loro bambina Paola, due anni fa.

Ieri la cantante si è raccontata in una lunga intervista a La Stampa, in cui parla soprattutto delle sue gioie familiari, che per lei vengono al primo posto:

È il momento più felice della mia vita, Paola è la mia gioia più grande, cerco di dedicarle tutto il tempo possibile e la porto sempre con me.

Certo, ammette, ora è possibile perché la bimba è ancora piccola, ma poi le cose dovranno cambiare:

Sarà diverso quando inizierà la scuola, per ora è una giramondo come papà e mamma.

Quanto alla possibilità di allargare la famiglia regalando un fratellino a Paola, la Pausini non lo esclude, anche se questo non è proprio il momento migliore:

Se verrà ne saremo felicissimi, ma ora sono concentrata su Paola: con la vita frenetica che facciamo è giusto che possa godere a pieno di tutta l'attenzione della sua famiglia.

laura-pausini

Intanto si gode Paola, ma anche la sua famiglia d'origine, alla quale deve tutto, soprattutto al papà:

La famiglia è la mia vera forza e perché devo tutto al mio babbo Fabrizio, in questi anni è sempre stato al mio fianco, mi ha consigliato, mi ha insegnato, spronato, consolato e sgridato. Ancora oggi basta una sua occhiata e so subito come è andato un concerto e se ho detto qualche parola di troppo sul palco (capita spesso). Lui mi ha insegnato l'amore e la passione per questo lavoro, i sacrifici e la disciplina necessari per farlo bene. E io volevo essere come lui, una cantante di piano bar, magari in Romagna per poter dormire a casa tutte le notti.

Infine, non manca nell'intervista un riferimento all'Italia, la sua terra, nonostante negli ultimi tempi sia quasi sempre lontana:

L'Italia è la mia casa, la mia terra, sono fierissima di essere italiana. Abbiamo grandi talenti, grandi uomini e grandissime donne: mi viene in mente l'astronauta Samantha Cristoforetti. Non amo piangermi addosso, all'estero cerco sempre di parlare delle cose più belle del mio Paese, ma non sono un'ingenua, mi informo e so bene che il Paese non sta attraversando un periodo facile e che le soluzioni proposte non sempre sono efficaci. Ma conosco la nostra indole e la nostra storia, la capacità unica che hanno gli italiani di risollevarsi.

E noi speriamo che le parole di Laura possano essere di buon auspicio per il futuro del nostro Paese.

  • shares
  • Mail