Sanremo 2015, l'infortunio di Arisa e l'antidolorifico: parla il medico - video

Il dottor Ferlito spiega: "Le ho dato solo un banalissimo antinfiammatorio. Arisa ha trovato un modo tutto suo per ringraziarmi".

Il momento più bello della terza serata del Festival di Sanremo lo dobbiamo senza alcun dubbio ad Arisa. La cantante, reduce da un piccolo incidente che lei ha raccontato a modo suo ("ho fatto snowboard su 20 scalini"), in maniera stoica si è comunque presentata sul palco dell'Ariston con la gamba fasciata e imbottita di antidolorifico.

Ai farmaci presi la valletta di Conti attribuisce le sue gaffe nel presentare la cover cantata da Annalisa:

Scusate, il dottore mi ha dato un anestetico

sanremo2015-arisa

Ma viene prontamente corretta da Conti, che precisa si tratti molto probabilmente di un antidolorifico. Lei si corregge e aggiunge, tra l'ilarità generale - compresa la sua e quella incontenibile del conduttore:

In ogni caso, ve lo consiglio a tutti.

Ringraziando il dottor Ferlito, il medico del Festival che l'ha curata e di cui si è segnata addirittura il nome sul palmo della mano, con tanto di cuoricino disegnato.

sanremo2015-arisa (2)

Sul web il dottor Stefano Ferlito diventa subito un mito. In tanti si chiedono "Cosa avrà mai dato ad Arisa?". E così il medico, intervistato da Vanity Fair, dà la sua versione dei fatti su quello che è accaduto:

«Non le ho dato nessun farmaco particolare, solo un banalissimo antinfiammatorio. Poi ho letto quello che si è scatenato, ma le frasi di Arisa sono state solo un gioco. Ognuno fa il proprio lavoro. Il mio è fare in modo che gli artisti salgano sul palco. Poi una volta su tocca a loro».

sanremo2015-arisa (3)

Spiega anche di non aver potuto vedere in diretta quanto accaduto sul palco, ma di esserne poi stato lusingato:

«Non l'ho visto in diretta perché stavo visitando un paziente ma quando me l'hanno raccontato mi ha molto lusingato. Mi sono emozionato, diciamo che sono abituato a lavorare dietro le quinte. Ma Arisa ha trovato un modo tutto suo per ringraziarmi».

Un modo tutto suo che ha movimentato una puntata del Festival che rischiava di essere troppo moscia. Grazie, dottor Ferlito!

  • shares
  • Mail