I Club Dogo, gruppo rap formato da Jake la Furia, Guè Pequeno e Don Jon hanno chiuso ieri a Milano un lungo tour che li ha portati in giro per l’Italia.

Intervistati da Tgcom 24 hanno raccontato molti aspetti di sé, dalla loro musica a discorsi più generali come lo schierarsi politicamente o la televisione.

Pur essendo cambiati e maturati “Siamo diventati più professionali, prima eravamo dei punk. Conosciamo meglio il nostro lavoro. Il nostro pubblico si è aggiunto, ci sono molti giovani, quelli che ci seguono dall’inizio, magari qualcuno è uscito“, il fatto di essere seguitissimi, soprattutto dai giovani, non li ha spinti ad un’attenzione ai testi:

Per niente. Diciamo sempre quello vogliamo. Di sicuro non indottriniamo i giovani a fare delle cose che non devono fare. Noi facciamo musica, ai genitori spetta educarli.

Sullo schierarsi politicamente, sopratutto attraverso i social, i Club Dogo non la pensano come altri rapper:

Le cose vanno fatte con sincerità. Se andassimo sui social a parlare dei politici non saremmo credibili. A noi interessa fare musica figa e non siamo stati apertamente schierati politicamente, abbiamo parlato di corruzione in generale, non ci interessa essere un fenomeno politico. Quello che voti è una scelta che fai da privato cittadino. Se votiamo? Sempre.

Si era vociferato della loro partecipazione (in particolare di Guè Pequeno) a L’isola dei famosi 2015. Il trio conferma la proposta di partecipazione al reality che è stata, però, rispedita al mittente:

Sì, i soldi non fanno schifo a nessuno, ma noi facciamo musica. Per ricevere l’attenzione dobbiamo andare in un reality a raccogliere le banane? E’ giusto che lo faccia la “fidanzata di”, il tronista, il tizio che è sparito da trent’anni.

Eppure, come fa notare anche l’intervistatore, a Guè Pequeno piacciono le ragazze provenienti dal mondo della politica (oltre che degli scandali) e dello spettacolo, annoverando tra le sue ex Nicole Minetti e Natalia Bush:

E chiamami scemo, quella è la sfera personale, non vado in tv a mostrare i trofei… Senza snobismi meglio l’Isola dei Famosi che Sanremo.. E poi c’è modo e modo di fare tv.

Sui rapper che vanno in tv dicono:

Abbiamo il massimo rispetto, per esempio J-Ax ha saputo rilanciarsi, ha fatto un bel disco. Fedez? Sono fatti suoi. Per noi è obbligatorio fare musica che spacca, poi ognuno si posiziona come vuole.

Foto: Facebook

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Cantanti Leggi tutto