Beppe Fiorello: "Sono un papà tradizionalista"

Beppe Fiorello papà nella vita e nella miniserie de L'Angelo di Sarajevo, miniserie in due parti su Rai 1.

Beppe Fiorello papà si racconta all'Arena di Giletti, domenica 18 gennaio 2015, a pochi giorni dal debutto de L'Angelo di Sarajevo, miniserie ispirata alla vera storia del giornalista Franco Di Mare che ha adottato una bimba orfana a Sarajevo durante la guerra.

Anche Beppe però è un papà: ha due figli, Anita - nata nel 2003 -, e Nicola, del 2005, avuti dalla moglie Eleonora Pratelli. Sono ormai grandicelli e soprattutto con la femminuccia si comincia a entrare nel complesso mondo dell'adolescenza. Ma che papà è Beppe Fiorello?

"Non sono un bacchettone, sono un tradizionalista..."

dice l'attore. E com'è per i ragazzi avere un padre famoso?

"Si divertono, mi prendono in giro... se notano che qualcuno cerca di rubare una foto iniziano a parlottare tra loro prendendomi in giro... "Guarda quello, sta facendo la foto, vedi vedi... "".

Una vita descritta come molto serena, dunque, anche perché Beppe Fiorello appartiene senza dubbio alla categoria degli antidivi.

Beppe-Fiorello_Arena-Giletti_Modugno

 

Padre tradizionalista, dunque, ma anche figlio 'innamorato' di un padre che non c'è più e che ha 'riconquistato' diventando a teatro Domenico Modugno dopo averlo raccontato in tv (Volare - La grande storia di Domenico Modugno) e averlo riportato sul palco dell'Ariston a Sanremo 2013.

"Quando sono sceso da quel palco, quella sera, con la giacca di Modugno addosso, ho riscoperto un pezzo della mia vita e un pezzo della vita di mio padre, che cantava sempre Modugno e ci assomigliava anche molto fisicamente".

Da lì uno spettacolo col quale continua a girare e a omaggiare non solo Modugno, ma anche il padre, che descrive così:

"Un uomo positivo allegro, altruista, che sapeva dare attenzione a tutti. Per gli alri era sempre disponibile, c'era sempre se qualcuno aveva bisogno. Era un appuntato alla Guardia di Finanza e lui capiva la differenza tra chi faceva un po' di contrabbando per sfamare la famiglia e la delinquenza seria. Ed aveva molto chiara la differenza tra le due cose: non sono uguali".

Beppe-Fiorello_famiglia_Arena-Giletti

 

E mi viene in mente il modo in cui Camilleri descrive il Commissario Montalbano, "un poliziotto che capisce...".

Chi ama Beppe Fiorello non può perderselo martedì 20 e mercoledì 21 gennaio 2015 su Rai 1 ne L'Angelo di Sarajevo.

  • shares
  • Mail