Uomini e Donne, Marco Pavanello accusato di truffa

L'ex tronista è un imprenditore attivo nella vendita di tartufi.

Marco Pavanello, ex tronista di Uomini e Donne, il programma di Maria De Filippi in onda ogni pomeriggio su Canale 5, è stato accusato di truffa.

Pavanello, conosciuto alle testate gossip anche per la sua relazione tormentata con Francesca Cipriani, oggi è un imprenditore attivo nel campo della distribuzione dei tartufi, per la precisione, socio e amministratore di una ditta di Vicenza che si occupa di vendita di tartufi. L'accusa è quella di aver venduto piante di tartufo inattive, spacciandole invece per tali, ad alcuni clienti di Roma.

I clienti di Pavanello, dopo aver fatto analizzare le piante di tartufo in un laboratorio di Perugia, hanno scoperto che le piante non erano micorizzate (ossia con il fungo attaccato alle radici). Il contratto d'acquisto, invece, garantiva la micorizzazione. Le piante, quindi, non hanno le qualità per far crescere i tartufi e i clienti romani hanno chiesto la restituzione dei 2mila euro spesi per l'acquisto.

Marco Pavanello non ha voluto accontentare i suoi clienti che, di conseguenza, hanno deciso di adire le vie legali, denunciando l'ex tronista per truffa.

marco pavanello

I clienti hanno raccontato la storia al quotidiano Il Messaggero:

Volevamo fare una tartufaia, con piante micorizzate al tartufo. Dopo varie ricerche, ci siamo affidati alla TuttoTartufo s.r.l.: abbiamo preso contatti e il signor Pavanello ci ha dato tutte le istruzioni per preparare il terreno ad accogliere le piante che ci avrebbe portato. Delle 100 pagate ne sono arrivate 99. Un esperto di tartufi ci ha messi in guardia, consigliandoci di far analizzare le piantine. Le piante non erano micorizzate come garantito nel contratto firmato. Rintracciamo Pavanello ma sia lui sia il tecnico ci rimandano l’appuntamento di settimane, poi di mesi. Io insisto e lo chiamo tutti i giorni. Il 20 settembre si presenta e gli mostriamo i risultati delle analisi chiedendogli spiegazioni. La risposta? Lui stesso era stato truffato da un suo dipendente che, portandogli le piantine, le avrebbe sostituite con altre prive di micorizie. Pavanello ha firmato un foglio dove dichiara che se una seconda analisi avesse confermato l’insufficienza di micorizie come da legge, avrebbe restituito la somma dovuta. La seconda analisi ha confermato la prima.

Anche molti quotidiani locali veneti (Marco Pavanello è di Padova) hanno dato subito risalto alla notizia. Marco Pavanello ha rigettato tutte le accuse, definendosi "un onesto distributore" e di essere stato lui stesso truffato.

Pavanello, come riporta il sito Padova Oggi, ha aggiunto che le piante in questione gli sono state consegnate con un certificato di micorizzazione che è stato successivamente mostrato anche ai suoi clienti di Roma al momento dell'acquisto.

L'ex tronista ha anche dichiarato che questa polemica è nata soltanto a causa dei suoi trascorsi televisivi e per attrarre l'attenzione della stampa.

  • shares
  • Mail