Pino Daniele morto: la provocazione di Matteo Salvini, le proteste verso Massimo D'Alema

Il messaggio del leader della Lega Nord.

Pino Daniele e la politica, un binomio del quale si è già occupato alla perfezione Polisblog, il magazine politico di Blogo. Ieri, su Gossipblog, invece, abbiamo riportato tutti gli omaggi più importanti provenienti dal mondo della politica dopo la scomparsa dell'artista napoletano, morto nella notte tra il 4 e il 5 gennaio, a causa di un infarto.

Anche oggi, martedì 6 gennaio 2015, la politica ritorna protagonista in queste ore dedicate soprattutto al ricordo del cantante partenopeo.

Riportiamo nuovamente un messaggio pubblicato dalla pagina ufficiale di Noi con Salvini, il partito "meridionale" della Lega Nord, dedicato a Pino Daniele:

Pino Daniele è stato un grande artista, ma ha offeso più volte la Lega Nord, così come Massimo Troisi. Non c'è che dire, ottimi artisti, ma forse di politica ne capivano davvero poco.

Le cose sono due: mettendo al bando le ipocrisie, non sta scritto da nessuna parte che Pino Daniele doveva per forza piacere a tutti, come è lecito e legittimo che la sua morte può aver suscitato anche un sentimento di indifferenza, soprattutto a chi non l'ha mai seguito come artista.

In casi come questi, quindi, ripetiamo legittimi e leciti, il silenzio sarebbe una cosa buona e giusta. Nell'epoca dei social network, però, tutti, per forza, spinti da chissà quale entità sovrannaturale, si sentono costretti a esternare la loro opinione, quasi sempre provocatoria e finto-alternativa.

Quella di Matteo Salvini, segretario della Lega Nord, è una di quelle:

Mi ha procurato dispiacere perchè era un grande artista e avrebbe potuto fare molto altro ancora. Non voglio però dire ipocrisie. Mi spiace perchè era un grande artista ma ascolto altra musica.

Si tratta, senza dubbi, di un bell'autogol che potrebbe compromettere, e non di poco, la sua già improbabile ascesa nel Mezzogiorno.

pino daniele politica 2

Ciò che è successo davanti all'obitorio dell'Ospedale Sant'Eugenio di Roma, però, forse è anche peggio. A causa di un furbone che ha avuto la bellissima idea di fotografare la salma di Pino Daniele e condividerla sul web, la famiglia ha deciso giustamente di limitare l'accesso alla camera ardente.

I fans di Pino Daniele, però, appena hanno visto Massimo D'Alema entrare senza problemi all'obitorio, hanno deciso di protestare vivamente, senza un minimo di rispetto nei confronti della famiglia Daniele, lamentandosi addirittura dei soliti "privilegi dei vips" e costringendo il politico a rinunciare ad entrare nella camera ardente per motivi di ordine pubblico.

Siamo arrivati a questi livelli.

Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: