Pino Daniele morto: flashmob, pagina Facebook per i funerali a Napoli, il ricordo di amici e fratello

Le polemiche per la decisione di celebrare i funerali a Roma.

Pino Daniele, purtroppo, è scomparso all'età di 59 anni, nella notte tra il 4 e il 5 gennaio, a causa di un infarto. I funerali del cantante si terranno a Roma, al Santuario del Divino Amore, mercoledì 7 gennaio 2015. Questo è il comunicato ufficiale con il quale la famiglia del cantante ha voluto ringraziare i fans e tutti coloro che hanno dedicato un messaggio di cordoglio per la morte dell'artista:

I funerali di PINO DANIELE, tragicamente scomparso nella tarda serata di ieri (domenica 4 gennaio), saranno celebrati mercoledì 7 gennaio a Roma, alle ore 12.00 presso il Santuario della Madonna del Divino Amore a Castel di Leva (via del Santuario 10, Roma - nei pressi di via Ardeatina). I funerali saranno celebrati in forma pubblica.
La famiglia dell’artista ringrazia per il calore ricevuto da ogni parte in queste ore di dolore.

Pino Daniele Morto | Le polemiche sui funerali a Roma


La decisione della famiglia di celebrare i funerali a Roma non è stata gradita dai fans napoletani di Pino Daniele. Un sentimento di dispiacere è comprensibile ma le polemiche sui social network, nelle quali sono stati utilizzati termini pesanti come indignazione, mancanza di rispetto, ingenerosità, rasentano la mancanza di rispetto nei confronti di una famiglia che avrà avuto tutte le motivazioni valide per optare per questa decisione.

A poco, quindi, servirà anche l'immancabile pagina Facebook "Vogliamo a Napoli i funerali di Pino Daniele" spuntata poche ore fa sul social network.

Sara Daniele, una dei cinque figli di Pino Daniele, ha motivato questa decisione:

Abbiamo scelto Roma perchè noi figli siamo nati e viviamo qui. I funerali di mio padre saranno celebrati mercoledì al Divino Amore perchè è una chiesa grande e noi vogliamo che sia una cerimonia aperta al pubblico. Siamo sicuri che papà vorrebbe che chiunque avesse la possibilità di dargli l'ultimo saluto.

Pino Daniele Morto | Il flashmob


I fans di Pino Daniele ricorderanno il cantante con un flashmob che si svolgerà a Piazza del Plebiscito a Napoli domani, 6 gennaio 2015. A partire dalle ore 20:45, i fans canteranno in coro Napul'è, una delle canzoni più conosciute del repertorio dell'artista napoletano. L'idea è di Gigi Balsamo, il direttore del Teatro Posillipo di Napoli, che ha lanciato l'iniziativa tramite i vari social network.

pino daniele presepe

Pino Daniele Morto | Il ricordo del fratello e degli amici


Molte persone, cantanti, attori, personalità politiche e altri ancora, stanno convidendo il loro ricordo e il loro messaggio di cordoglio per la morte di Pino Daniele.

Un suo amico d'infanzia e compagno di classe, Mauro, lo ha ricordato con questo messaggio, con il quale ha sottolineato la difficile infanzia che il cantante ha vissuto:

Non dimenticherò mai Pino e la sua passione per la canzone. Avevamo la atessa età e la sua musica è stata la cornice di moltissimi momenti della mia vita. Oggi è morto un amico ed il migliore rappresentante della nostra Napoli. Eravamo poveri, ma molto poveri. Pino non riuscì neanche a ritirare la foto. E io due anni fa sono riuscito ad avere la sua firma che nell’elenco non ci stava. Il tempo passa, sono rimasto molto dispiaciuto. Mi sono messo a piangere.

Un messaggio è arrivato anche da Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli e produttore cinematografico, che ha annunciato un omaggio del club partenopeo allo Stadio San Paolo, prima di Napoli - Juventus:

A nome di tutto il Napoli esprimo il dolore per la scomparsa di Pino Daniele. Lo ricorderemo domenica al San Paolo. Nel 1978, quando gli affidai la scrittura della musica del film La mazzetta, era agli inizi, ma si capiva che era un vero genio musicale. Con lui scompare un'icona della musica napoletana, italiana, internazionale.

Anche il famoso artigiano Genny Di Virgilio ha reso omaggio al cantante e alla sua statuina di terracotta che si trova nella bottega dei presepi di San Gregorio Armeno a Napoli, aggiungendoci un foglio con su scritto "Cià Guagliò":

Cia guagliò è il saluto che Pino Daniele indirizzava ai fan prima di ogni concerto. Oggi siamo noi che salutiamo lui, uno dei più grandi artisti napoletani di sempre.

Il fratello Salvatore, come ovvio che sia, ha rilasciato soltanto una breve dichiarazione:

Sono molto addolorato. Non riesco a dire altro. Vado da lui.

Questo, invece, è il messaggio di Roberto Saviano:

Ci sono versi che fanno parte del mio DNA e di quello di moltissime altre persone.
“Je sto vicino a te, pecchè ’o munno è spuorco".
“Fatte e fatte tuoie, ma si haje suffrì caccia ’a currea”.
“Miette ’e creature ’o sole pecchè hanna sapè addò fa friddo e addò fà cchiù calore”.
“Nun ce sta piacere nemmeno a ghi a fa' 'nculo pe' 'na sera”.
E poi “Napule è tutto nu suonno e 'a sape tutt' ’o munno. Ma nun sann’ ’a verità”.
Il primo concerto della mia vita fu proprio un concerto di Pino Daniele. Il suo blues napoletano ha raccontato Napoli con la più bella e allegra malinconia di sempre.
Oggi Napoli è sola.
Addio Pino Daniele.

E terminiamo con la dichiarazione di Gigi D'Alessio:

Era come un fratello. Stava benissimo, la musica fa star bene tutti. Eravamo anche vicini di casa qui a Roma, all'Olgiata.

Gigi D'Alessio, che ha visto Pino Daniele all'obitorio del Sant'Eugenio, ha soccorso Fabiola Giabarrasi, ex compagna del cantante, svenuta in ospedale a causa dello stress di queste ore.

  • shares
  • Mail