Kaley Cuoco: “Meglio casalinga che femminista!”

L’attrice di Big Bang Theory non pensa ci sia più bisogno di lottare per la parità dei sessi.

di grazias

Kaley Cuoco, l’attrice resa famosa dalla serie cult The Big Bang Theory, non è una femminista. E ne va fiera. La nostra, intervistata dal magazine Redbook, ha raccontato parecchio di sé, di come vive col marito tennista Ryan Sweeting, del suo duro percorso per arrivare al successo e, già che c’era, pure dell’intervento al seno che, precisa, non ha fatto per diventare una pornostar. Ma partiamo dal femminismo…

A domanda diretta Kaley esprime un’opinione decisamente netta:

È brutto rispondere no? Non è qualcosa a cui penso veramente. Voglio dire: la situazione è molto diversa ora e so tutto il lavoro che è stato fatto da moltissime donne prima che nascessi io per far sì che le cose si mettessero meglio per noi tutte. Non sono mai stata una femminista che lotta per la parità dei sessi, ma forse solo perché non mi sono mai capitati casi di in cui le donne fossero messe in secondo piano rispetto agli uomini.

In casa la nostra attrice preferita dimostra di essere una casalinga provetta. E ben felice di esserlo:

Cucino per mio marito Ryan cinque sere a settimana, questo mi fa sentire una casalinga e io adoro sentirmi così. So che suona un po’ antiquato, ma mi piace l’idea della donna che si prende cura del proprio uomo. Sono felice di tornare a casa e fargli da mangiare, apparecchiare la tavola. Mia madre lo faceva, credo di aver ereditato questa cosa.

A proposito di mamma (ma anche di papà), la Cuoco, che lo scorso agosto ha ricevuto un milione di dollari per ogni singolo episodio di The Big Bang Theory girato, racconta di come i suoi genitori l’abbiano aiutata nella sua strada verso il successo che, a quanto rivela, non è sempre stata facile:

Ricordo che speravo sempre di poterli aiutare un giorno o l’altro, anche economicamente. Questo perchè loro si sono sempre presi cura di me. I miei genitori hanno passato sedici anni a portarmi a Los Angeles di provino in provino. Ogni giorno mi aiutavano ad imparare battute, mi aspettavano, mi portavano al corso di tennis o di equitazione e mi facevano da motivatori quando non ottenevo la parte.

A proposito della sua scelta di rifarsi il seno, infine, commenta:

Non avevo tette! Rifarmele è stata la cosa migliore della mia vita. Mi sono sempre sentita un oo’ sproporzionata. Questi impianti mi fanno sentire più sicura del mio corpo. Non l’ho fatto per diventare una pornostar o per sembrare più sexy.

I Video di Gossip Blog