Domenica in, parla la madre di Fabrizio Corona. Pino Insegno contro Nina Moric

Lunga intervista alla mamma di Corona sulla questione della grazia al figlio.

domenica in corona

La deriva trash di Domenica in, avviata con la saga debitoria di Baldini delle scorse settimane, è ormai inarrestabile.

Alla faccia della domenica allegra e spensierata che ci prometteva Paola Perego. Oggi abbiamo visto quanto facciano scuola i contenuti di Domenica Live e Rai 1 si adegua.

Ospite per parlare del figlio Fabrizio Corona, la mamma Gabriella, intervistata a lungo dalla padrona di casa.

domenica in corona 2

Si comincia dal racconto del Fabrizio Corona bambino:

E'stato un bambino meraviglioso, buono remissivo, ubbidiente.. Mio marito diceva dobbiamo temere questa bontà che verrà fuori la ribellione. Da grande avrebbe voluto fare l'avvocato ma perché gliel'ho inculcato io. Cosa mi rimprovero? Non avergli detto molti no.

L'intervista prosegue con tanto di foto e video che fanno tanto "dursointervista". Si passa ad parlare del rapporto di Corona col figlio Carlos:

Non lo vede tantissimo, è più un rapporto interiore perché non può frequentarlo. Lo va a trovare,ma è chiaro che è in un momento delicato della crescita e avrebbe bisogno della figura paterna vicino. Carlos è un bambino molto intelligente. Ha preso dai nonni, è un bambino assolutamente perfetto. Ci sto parecchio con lui, parliamo tantissimo, ci raccontiamo tante cose. Gli racconto com'era il papà da bambino, delle marachelle, della scuola dove non era molto bravo. Tra loro il rapporto è sempre stato di grande amore, ma non sono stati molto vicini per il lavoro. E oggi è pentito di questo. Di domande sul carcere ne fa poche, quando l'ha chiesto la metto sull'ironico dicendo che il papà è una testa calda e ha fatto cavolate.

Ma mamma Gabriella è lì soprattutto per parlare della salute di suo figlio, per la quale teme:

Il suo percorso carcerario è concluso, potrebbe accedere alla pena alternativa, ma c'è il reato ostativo della vicenda Trezeguet. Ho dichiarato di aver paura che muoia in carcere, perché il carcere ruba un po' l'anima delle persone. Lui ha una sofferenza e ho paura per questo. Il carcere l'ha fatto frenare da una vita frenetica che lo stava uccidendo fisicamente e moralmente. Ha fatto un percorso che l'ha aiutato. Ma adesso non ce la fa più. Quando sai di aver ammazzato, stuprato puoi accettare 14 anni, lui non può accettare un'ingiustizia così enorme. Chiederemo anche grazia parziale per il caso Trezeguet in modo che possa accedere ai benefici di legge. Incontrerò anche Papa Francesco per chiedergli aiuto.

La Perego pesca anche dall'attualità e chiede alla madre di Corona un commento sulle dichiarazioni di Stefania Craxi a Chi in cui ha paragonato Corona una vittima come suo padre Bettino dell'invidia sociale:

Concordo, Fabrizio è simbolo di una certa parte di un periodo storico italiano ed è stato punito perché aveva tanto, tutto ed ha dato fastidio il suo comportamento sopra le righe, la sua fortuna. Ha pagato per tutto un sistema, tutti quelli perseguiti in quel periodo non sono stati puniti.

Nel riassunto della vicenda processuale la conduttrice e la mamma (che è l'unica giustificata) si ingarbugliano su tecnicismi giuridici circa l'aggravante contestata a Corona nel reato di estorsione, reato compiuto ai danni del calciatore Trezeguet. Sarebbe meglio non lanciarsi in discorsi per i quali servono competenze specifiche, in questo caso giuridiche, ma tanto vale tutto.

Ma ecco che l'intervista arriva al clou della vicenda Corona, ossia la lettera di Adriano Celentano che ne chiedeva la grazia (insieme ad altri volti noti come Grillo).

domenica in corona 3

Celentano ha ragione. è stato una persona umana e ha compreso Fabrizio e l'ha voluto aiutare. Lui è un intellettuale. Fabrizio vendeva migliaia di servizi fotografici, le fotografie che hanno dato problemi sono state due o tre. Purtroppo è accaduto perché deve aver dato fastidio a qualcuno.

Infine la conduttrice, ormai coinvolta appieno da una vicenda trattata in un modo che fa della sua Domenica in nulla diverso dal tanto criticato programma della concorrenza, chiede un commento alle dichiarazioni rilasciate a Tgcom da Nina Moric, ex moglie di Corona nonché madre del figlio Carlos. La croata infatti aveva detto la sua sulla vicenda della grazia, ma anche invitato Grillo e Celentano a pensare al proprio lavoro.

Non le interpreto, scusami. L'ultima volta che ho letto un'intervista di Nina 20 giorni fa diceva tutt'altro. La sua opinione la rispetto, ma siccome Celentano e Grillo sono personaggi di valore, non vedo perché contraddirli. Non ho commenti da fare, non riesco a capire. Sinceramente non credo sia molto importante.

"Non temi che questo pensiero arrivi a Carlos?" domanda imperterrita, rincarando la dose, la Perego.

No, non lo penso.Io rispetto i giudizi di Nina, ma non condivido. E nulla potrà inquinare il rapporto padre-figlio.

Finale in salsa demagogica, populistica e forcaiola con la padrona di casa che rivendica per Corona una pena adeguata mentre chiede per gli assassini di donne "ergastoli e bisogna buttare via la chiave" e poi legge art. 27 della Costituzione sulla funzione rieducativa della pena.

Finita l'intervista la parola passa a Pino Insegno che prima di ritornare alla gara musicale "Ancora Volare", attacca inspiegabilmente Nina Moric:

Senza entrare nel merito della vicenda vorrei dire solo una cosa: so che lavoro fanno Grillo e Celentano, non so che lavoro faccia Nina Moric.

  • shares
  • Mail