Omar Pedrini: "Ho rischiato di morire due volte"

Omar Pedrini racconta a DiPiù di aver visto la morte in faccia per ben due volte a causa dei suoi problemi cardiaci...

Omar Pedrini, ex Timoria, ha raccontato a DiPiù di essere, in poche parole, vivo per miracolo. Per ben due volte ho tirato la barba a San Pietro, scherza il cantante. Ma le sue condizioni di salute hanno destato più di una preoccupazione. L'ultima volta è successo nell'ottobre scorso, quando il nostro è stato sottoposto a un intervento a cuore aperto della durata di undici ore:

Schermata 2014-11-29 alle 18.51.41

Sono stato male alla fine di un concerto a Roma e sono svenuto. Quando ho riaperto gli occhi c'era un medico che mi stava soccorrendo. Mi volevano trattenere in ospedale a Roma, ma io non mi sentivo così male e allora ho chiesto di essere portato a Brescia, la mia città. Era rischioso, certo, ma andare in un ospedale dove non conoscevano la mia situazione mi sembrava inutile e complicato. All'ospedale di Brescia, invece, sono anni che vado a farmi controllare una volta al mese, sanno tutto di me.

I medici dell'ospedale di Brescia, però, hanno allarmato Pedrini: le sue condizioni di salute erano parecchio peggiori di quanto pensasse. Occorreva ricorrere ad un secondo intervento al cuore, dopo quello che subì nel 2009:

È stato come se mi avessero sottoposto a tre interventi in uno: ci sono volute undici ore in sala operatoria per togliermi l'aorta e mettermene una nuova. Poi mi hanno cambiato la valvola aortica che c'è nel cuore. Mi hanno operato a cuore aperto e il petto mi fa ancora male. Però mi sento pronto a iniziare la mia terza vita.

Già, perché nel 2009 il suo cuore aveva cominciato a cedere per la prima volta. A quei tempi, gli era stata vicino la sua ex fidanzata, Elenoire Casalegno. Oggi, invece, a sostenerlo c'è Veronica, sua moglie:

Alla fine del 2013 i medici mi avevano spiegato che il mio cuore aveva gravi problemi e, a quel punto, ho detto a Veronica: "La settimana prossima ti sposo". Ci siamo sposati lo scorso 7 gennaio in comune a Brescia. Con il matrimonio volevo tutelare lei e nostra figlia Emma Daria nel caso fossi morto.

  • shares
  • Mail