Belen Rodriguez: "Esibisco una bellezza apprezzata, ma non in maniera volgare"

Belen torna a parlare anche dell'ex Fabrizio Corona. E racconta di quanto i suoi genitori si separarono per colpa di una canna

Belen Rodriguez in un'intervista a Panorama non le manda a dire è bolla come "stron*ata" il testo di una proposta di legge presentata nel 2013 da, tra gli altri, alcune deputate che suggerisce di multare fino a 5 milioni di euro chi utilizza il corpo della donna nella pubblicità tv o stampata. La showgirl argentina ricorda che questo manderebbe al rogo non soltanto lei ma anche vip del calibro di Uma Thurman, Laetitia Casta, Charlize Theron, Catherine Zeta-Jones, Gwyneth Paltrow. "Quanta ipocrisia", aggiunge, prima di giustificare la sua scelta, manifestata da tempo, di posare nuda:

Esibisco una bellezza apprezzata, tutto qui. Insieme a un sorriso. Ma non in maniera volgare, non con tripli sensi, mai contro le donne, non a tutti i costi. Mi offro sorridendo a chi vuole guardare il mio corpo, e posso aggiungere? Con la mia testa. Col mio modo di proporlo. Che è mio, e non sarà magari da grande intellettuale, ma lo sento, come dire, sano. Certo il pubblico è diverso dal privato, e che discorsi, per chi non è così?

Belen racconta di essere cresciuta sotto una educazione evangelista dura, ortodossa, anglicana" perché "mio padre era pastore della Iglesia anglicana federal argentina. Vietato tutto. E vietatissima la minigonna". Ma un giorno qualcosa cambiò:

A 16 anni feci un provino, di nascosto, pubblicarono le foto, sa come sono le case di moda, era un book per indumenti intimi. La Chiesa anglicana pose l’aut aut: o fai smettere Belén, o esci tu dalla Chiesa. Uscì.

Gli aneddoti familiari di Belen proseguono:

Mio padre (Gustavo Rodríguez, Ndr) era stato musicista. E bravo. Gruppo rock: Los redondidos terricotas (se ho ben capito la registrazione, ndr). Avevo un anno, quando mia madre (Veronica Cozzani, Ndr) lo sorprese a farsi una canna. Lei era rampolla di ufficiale dell’esercito. Capisce? Lo lasciò. Non sei quello che ho conosciuto. Stettero separati un anno. Per riconquistarla, papà si fece anglicano. Mica per finta, ci credette davvero, e furono anni di rigore. Ma lui era lui, e la libertà della figlia era la libertà della figlia, e mia mamma lo amava, e amava molto me. E si fidava, di lui e di me. È contenta anche lei.

La conduttrice di Tu sì que vales risponde alle critiche di Selvaggia Lucarelli secondo la quale "il suo è un bisogno patologico di esibizione":

Aveva una carriera che in televisione non cresceva tantissimo. (...) È la sua assenza di solidarietà con le donne a darmi fastidio. E dire che Selvaggia, talvolta, espone il reggiseno più del mio.

Quindi rivela di aver litigato con Vladimir Luxuria, che ebbe la meglio su di lei a L'Isola dei famosi 6:

È una persona molto intelligente. Si adatta molto più di me ai meccanismi tv. (...) Se serve televisivamente metterti in mezzo, lei segue il consiglio dell’esperto senza guardarti in faccia. E non aggiungo altro per non sputtanarla.

Infine il capitolo Fabrizio Corona. Belen è dell'idea che all'ex fidanzato "dovevano dargli una multa salata, salatissima, ma una multa", mentre "il carcere è ingiusto". Poi aggiunge:

Sanno tutti che il metodo usato da Fabrizio per mettere a profitto le sue foto era tanto ambiguo quanto generalizzato. Ci passai perfino io con un altro fotografo. Ripresero mia sorella nuda, al mare. "Diffondiamo le foto?" mi dissero. O preferite due servizi su voi due, insieme? Facemmo i due servizi.

E in merito alla frase del marito Stefano De Martino "chiedere la grazia per Corona sembra diventata una moda", ecco la precisazione di Belen:

Stefano l’ha detto senza nessuna malizia. E lontano da qualsiasi cattiveria.

belen rodriguez foto

Foto via Facebook

  • shares
  • Mail