Justin Bieber convocato da un tribunale argentino: rischia l'ordine di arresto internazionale

Ancora guai con la giustizia per Justin Bieber

Che uomo di mondo che è diventato Justin Bieber. Dopo i problemi in Germania con l'ormai dimenticata scimmietta e i graffiti brasiliani e colombiani, il giovane cantante canadese potrebbe passare guai seri in Argentina. L'ex di Selena Gomez è stato infatti convocato per un interrogatorio a causa di un presunto pestaggio eseguito dalle sue guardie del corpo durante il tour sudamericano dello scorso anno. Bieber avrà ora 60 giorni di tempo per presentarsi nel Paese e comparire davanti a un tribunale.

Secondo l'Associated Press, il giudice Facundo Cubas ha preteso la convocazione di Bieber. Nel caso in cui Justin non si dovesse presentare, il giudice ha già annunciato che scatterà immediatamente un ordine di arresto internazionale ai suoi danni. Ma andiamo ai fatti. Il fotografo Diego Pesoa, e qui sta il nocciolo della questione, ha accusato il milionario 20enne di avergli aizzato contro le proprie guardie del corpo lo scorso 9 novembre del 2013, a Buenos Aires.

Justin Bieber In Concert - Brooklyn, NY

Dopo aver tentato di paparazzare Bieber in un locale notturno, Diego sarebbe stato picchiato dagli uomini della sua sicurezza, come documentato da un video girato dallo stesso fotografo, poi finito in ospedale. Se condannato con l'accusa di aver provocato lesioni non gravi, Justin rischia fino ad un anno di galera. Sempre in quel fine settimana, come dimenticarlo, Justin creò il caos dopo aver usato la bandiera argentina come 'straccio', direttamente dal palco del suo concerto. Travolto dalle polemiche il cantante fu quasi costretto a 'scusarsi', anche perché persino in quel caso a rischio arresto, essendo considerato reato l'umiliazione della bandiera nazionale argentina. Che Justin possa ora pagare il tutto con gli interessi?

Fonte: AceShowBiz

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail