Alfonso Signorini: "Mi sono ammalato di leucemia. Valeria Marini mi mollò per Vieri"

"Oggi vedo la vita con altri occhi. È stato un incidente frontale, ma sono arrivato a considerarlo una benedizione".

L'intervista di Alfonso Signorini a Il Giornale è pregna di spunti di interesse. Il direttore del settimanale Chi ha svelato di essersi ammalato di leucemia e di averlo scoperto tra il 2011 e il 2012 quando conduceva Kalispera in tv:

Faccio meno per scelta, perché dico no a tante cose. E per costrizione perché, come racconto nel mio libro, mi sono ammalato di leucemia. (...) Ero in diretta, all'ultima puntata di Kalispera. C'era la Ferilli (che però a noi risulta essere stata ospitata alla prima puntata e non all'ultima, Ndr), ricordo la sua bocca che si muoveva, lei parlava parlava e io sentivo il sudore colarmi lungo la schiena. Avevo 40 di febbre, mi hanno portato subito in ospedale.

Il giornalista ha raccontato come la malattia lo abbia inevitabilmente cambiato anche nell'atteggiamento nei confronti della'esistenza:

Oggi vedo la vita con altri occhi. È stato un incidente frontale, ma sono arrivato a considerarlo una benedizione. Un dono

Signorini ha poi assicurato che andrà in pensione a 60 anni (oggi ne ha 50) e ha annunciato che tornerà presto in tv. Sulla sua vita quotidiana ha detto:

Alla sera mi infilo a letto col mio gatto e mi sintonizzo su Cantando ballando: non le dico che cantanti, e che pubblico. Purtroppo a mezzanotte finisce, così mi sposto su Rai yo-yo: il gatto ama la Pimpa, Peppa Pig e Ben & Holly. Guardi qua: un teledipendente.

Insomma, niente vita sfrenata, che ora pare essere solo un lontano ricordo:

Per dieci anni mi sono stordito: feste, ore piccole. È stata la pena che ho dovuto pagare. Altrimenti non sarei dove sto.

Intanto però continua la sua storia d'amore con Paolo Galimberti ("Da dodici anni e mezzo. Sono fortunato. Lui non sa niente di spettacolo"), che secondo Il Fatto quotidiano è diventato senatore del Pdl (ora Forza Italia) proprio grazie a lui:

Non è vero. Il Fatto l'ha dipinto in modo ben diverso dalla realtà, ha scritto che va nei negozi a chiedere sconti a nome mio: credo che se li possa comprare, i negozi.

In passato però ha avuto una storia con Valeria Marini, che oggi definisce "una persona molto buona". La relazione finì, testuali parole di Signorini, perché "mi ha mollato per Bobo Vieri. La capisco. Ma sono ancora geloso di lei".

Dopo aver detto, sornione, di essere "curioso di sapere se il mio amico Renzi continuerà la remise en forme", visto che "mi ha scritto che deve perdere dieci chili", ecco il capitolo Silvio Berlusconi:

Sono ben contento di essere amico di Silvio Berlusconi. Ma la nostra è una amicizia umana, come quella con Marina, le mie uniche amicizie nel mondo dei vip. E insieme non parliamo di lavoro. Quando è morto mio papà Berlusconi mi ha detto che, se volevo, potevo considerarlo un padre. E quando è morta mia madre c'era lui vicino a me.

alfonso signorini

Sul caso delle foto di Veronica Lario, ex moglie di Berlusconi, pubblicate da Chi, l'ex opinionista del Grande Fratello ha notato:

Lei si è arrabbiata, però poi ha perso dodici chili... come mai? Deve ringraziarmi, in realtà. La verità è che sono lo spin doctor di Veronica Lario.

Signorini ha anche raccontato che Marina Berlusconi, la figlia del Cavaliere, voleva licenziarlo per la pubblicazione su Chi dei suoi scatti in topless:

Ma io mi sono detto: se mi licenziano, divento il Che Guevara del gossip. Per fortuna ho l'amministratore delegato che mi difende, io devo fare il mio mestiere.

Quindi sulla vicenda della contestata copertina del matrimonio di George Clooney:

Ho pubblicato la foto di George Clooney e Amal prima di quelle ufficiali delle nozze, gli ho fatto cancellare la cravatta e messo il farfallino. Mi hanno criticato, ma ho venduto il 42 per cento in più.

Ma non è finita. Signorini ha anche confessato di essere stato recentemente "sbranato" dall'amica Simona Ventura per via di quella Botox Gallery pubblicata sul settimanale di gossip.

Quindi il giornalista ha ammesso che da adolescente non era proprio il massimo di simpatia:

È vero, ero uno stronz0. Mi vergogno. Mi sono autogiustificato così: gli altri mi snobbavano, ero sempre lo sfigato, ma il giorno del compito in classe era la mia rivincita. Costruivo barricate per non far sbirciare, facevo la spia col prof, davo suggerimenti sbagliati.

Infine, sul rapporto con Fedez, che l'ha voluto per il suo videoclip del brano dal titolo emblematico Alfonso Signorini:

Una mattina mi sveglio alle 6 e trovo una valanga di messaggi: hai visto Fedez, c'è una canzone terribile su di te... Io pensavo che Fedez fosse un detersivo, comunque l'ho ascoltato su youtube e mi sono detto: meraviglioso. Così l'ho intervistato in radio e l'ho elogiato. (...) Mi ha fatto chiamare da un dirigente della Sony, per sapere se volessi partecipare al video. E io: ma certo, sono già lì. E mi sono comprato la tutina rosa, bella aderente perché mettesse in mostra i miei attributi. (...) La conservo per qualche serata...

  • shares
  • Mail