A quanto pare, Columbus Short ha bisogno di Olivia Pope per riuscire a gestire la sua vita privata. L’attore di Scandal, infatti, è stato arrestato a Van Nuys, in California, dopo non essersi presentato all’udienza relativa al caso in cui è accusato di violenza domestica contro la ex moglie.

Short, lo ricordiamo, ad aprile era stato denuniciato dalla moglie, secondo la quale l’uomo l’avrebbe minacciata in casa, accusandola di averlo tradito. L’attore, lo scorso mese, si sarebbe dovuto presentare in Tribunale, ma non l’ha fatto, preferendo proseguire le sue vacanze alle Barbados. Una decisione che spinse il giudice ad emettere un mandato d’arresto ed a stabilire una cauzione di quaranta mila dollari.

Negli scorsi giorni, Short si sarebbe dovuto presentare in Tribunale per lo stesso caso, ma trovandosi ancora alle Barbados, ha scatenato la furia del giudice, che ha così aumentato la cauzione fino a cinquecento mila dollari. Una volta rientrato, l’attore è stato arrestato, con l’accusa di non essersi presentato all’udienza del Tribunale.

Per l’attore, però, i guai giudiziari non sono finiti: dopo essere stato arrestato, il giudice di un altro Tribunale ha emesso un altro mandato di arresto per l’attore, con la cauzione di 250 mila dollari. Short, infatti, si sarebbe dovuto presentare ad un’altra udienza, che aveva a che fare con un’aggressione avvenuta in un locale, ma non gli è stato possibile presentarsi proprio perchè fermato dalla polizia.

Insomma, la situazione per Short non è affatto facile: dopo la denuncia della ex moglie e la rissa, l’attore è stato al centro di un altro arresto, avvenuto al Katy Trail Ice House di Dallas, dove è stato accusato di intossicazione pubblica, dopo aver insultato un poliziotto. Nonostante avesse ammesso di trovarsi in una situazione particolare e di stare provando a rimettersi in sesto, per l’attore sembra ci sia ancora molto da lavorare.

[Via Tmz]

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Attualità Leggi tutto