Calderoli, la macumba del padre della Kyenge, il serpente e l'esorcista (FOTO e VIDEO)

Macumbe, esorcisti, serpenti. La politica italiana.

Il titolo che abbiamo scelto per il nostro post non è quello di una nuova commedia all'italiana. Ma riassume quanto successo nelle ultime ore sui social network. Protagonisti alcuni degli esponenti politici di primo piano in Italia.

Tutto inizia dal video proposto da Oggi (in realtà risalente allo scorso settembre) di un rito propiziatorio celebrato dalla famiglia dell'ex ministro Cecile Kyenge in Congo per 'salvare l’anima' di Roberto Calderoli. Il quale pochi giorni dopo racconta su Facebook le presunte conseguenze. Con tanto di foto.

Non sono mai stato superstizioso ma dopo la "makunba" che mi ha fatto il papa della Kienge (nome scritto in maniera erronea, Ndr) mi e' capitato di tutto e di più. Quello che potete vedere nell'allegato è il serpente che ho catturato questa mattina nella cucina di casa mia. A voi sembra normale che un serpente di 2 metri sia nella cucina di una casa di mozzo?

Mentre gli utenti di Facebook nei commenti protestano perché il leghista avrebbe "ucciso uno splendido esemplare di biacco, oltremodo protetto", arriva la replica della europarlamentare del Pd, in passato criticata (e, talvolta, insultata) dalla Lega:

Caro senatore Calderoli, mi spiace che debba essere io a dirle che macumbe e dei pagani del Po non esistono. Ha solo ucciso un povero serpente.

Non è finita. L'ideatore e primo firmatario del Porcellum, recentemente vittima di un malore e di una frattura di un dito, sempre su Facebook chiede ufficialmente un esorcista:

Non so se devo mettere un annuncio sul giornale o chiamare direttamente Bergoglio, sempre che non sia troppo occupato a sistemare gli immigrati a casa nostra, ma io devo trovare assolutamente un esorcista. Se qualcuno ha numeri di telefono o mail di esorcisti li aspetto con gratitudine.

roberto calderoli serprente

  • shares
  • Mail