I rapper non sono certo la categoria sociale più affidabile. Costruiscono la propria carriera su sparate assurde e dichiarazioni roboanti, quindi la possibilità che mascherino la realtà è molto alta. È quindi con molto cautela che vogliano rilanciare le parole proferite da Snoop Dogg nel corso di una chiacchierata con il conduttore televisivo Jimmy Kimmel.

Snoop, al secolo Calvin Cordozar Broadus, Jr., ha infatti rivelato di essere riuscito a fumarsi una canna nel bagno della Casa Bianca, sede ufficiale e residenza del Presidente degli Stati Uniti d’America. Non proprio il luogo migliore dove rilassarsi, se proprio vogliamo dirla tutto, soprattutto a causa dell’alto numero di poliziotti e agenti speciali.

Chiedo se posso usare il bagno per un secondo. E loro [la security] mi chiedono: “Cosa farai? Numero 1 o numero 2 [liquida o solida]? E io: “Numero 2”.

Eh già, la privacy non esiste quando in ballo c’è la sicurezza dell’uomo più potente degli Stati Uniti.

A questo punto il rapper californiano tenta il colpaccio.

Sentite – gli dico – quando faccio la numero 2 di solito mi fumo una sigaretta o accendo qualcosa per avere l’atmosfera giusta. E loro: “Sai cosa? Puoi accendere un pezzo di tovagliolo”. E io: “Ok, farà così”. Il tovagliolo era questo [fuma canna].

Non è la prima volta che una celebrità ammette di aver consumato sostanze stupefacenti in uno degli edifici più sicuri della Terra. Qualche anno fa era stato il comico David Cross a confessare di aver sniffato un po’ di cocaina a pochi passi da Barack Obama.

Non ci stupirebbe se entrambi, rapper e comico, non ricevessero più inviti formali alla Casa Bianca. O cartoline con gli auguri di Natale.

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Cantanti Leggi tutto