Intervistata dal settimanale Top, Anna Falchi parla non solo dei suoi ultimi progetti lavorativi, ma anche di vita privata. Da una parte il suo ruolo di mamma della piccola Alyssa, 4 anni, avuta dall’ex compagno Denny Montesi, dall’altra quello di compagna del giornalista Andrea Ruggieri, al suo fianco da oltre tre anni.

Diventare mamma, come accade per la maggior parte delle donne, le ha cambiato la vita, sia dal punto di vista delle prospettive che per quanto riguarda la vita lavorativa:

È stato più che altro un cambio di prospettiva: ora, infatti, ragiono per due. Conduco una vita più sedentaria e se per lavoro mi devo assentare per qualche giorno in più, me la porto dietro. Una delle varie rinunce che ho fatto è stata quella del teatro perché le tournée sconvolgono le abitudini di una bambina della sua età. Lei adesso ha bisogno di avere una vita normale, fatta di orari precisi e punti di riferimento. Non voglio che diventi una “zingara”, come sono stata io da giovane.

Per la sua piccola, bella come la mamma, sogna un futuro diverso da quello che ha avuto lei, sperando che non decida mai di seguire le orme materne sul lavoro:

Innanzitutto spero che non segua la mia strada. Mi piacerebbe che si sviluppasse intellettivamente, che studiasse il più possibile, imparasse tante lingue, viaggiasse per il mondo, aprisse la mente. Come tutti i bambini, canta e balla, ma dipinge anche molto bene. Chissà che non possa diventare un’artista.

Anna non pensa di allargare la famiglia, preferendo – almeno per il momento – che la bambina resti figlia unica:

Sto vivendo il momento più bello del rapporto con Alyssa. Siamo complici, parliamo di tutto, ci divertiamo insieme. Avere un altro figlio adesso significherebbe toglierle attenzioni, e non è quello che voglio.

Quanto ai progetti per il futuro, il matrimonio con Ruggieri non è contemplato:

A parte il fatto che devo ancora divorziare dal mio ex marito Stefano Ricucci, no. L’ho fatto una volta e non avrebbe senso farlo di nuovo. Io e il mio compagno siamo due persone libere mentalmente, non abbiamo certamente bisogno di un certificato di carta per amarci.

E come darle torto?

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Dichiarazioni e interviste Leggi tutto