La burrascosa separazione giudiziale dalla seconda moglie non è a quanto pare l’unica bega che Pino Daniele deve affrontare in questo periodo. Stando a quanto riporta il quotidiano Libero, che cita come fonte primaria Il Messaggero, un locale di proprietà del cantautore ad Orbetello, il Tuscany Bay, sarebbe finito sotto sequestro per presunte irregolarità.

In particolare, si parla di abusivismo, accertato prima dai vigili urbani della zona e poi dalla Capitaneria di porto. Ad essere interessato dal provvedimento di sequestro non sarebbe però solo il ristorante e il T-Bay Jazz bar, ma numerosi locali della zona, per un totale di trecento metri quadrati di strutture irregolari.

Il locale ha aperto poco più di un anno fa, e vede in società Daniele e l’imprenditore Paolo Fantoni. Quest’ultimo, in prossimità dell’apertura, raccontava a Il Tirreno come era nato questo progetto, che aveva portato a trasformare in ristorante e jazz bar un’ex colonia sul mare:

«Da una struttura degli anni ’40 abbiamo realizzato Tuscany Bay. Il nome l’ha proposto Pino: abbiamo voluto dare un tono internazionale al locale, perché abbiamo fatto la scelta di dare altissima qualità e ci aspettiamo che da noi vengano da tutta la Maremma, ma non solo».

Eppure allora sembrava tutto in regola, tanto che l’imprenditore ringraziava anche il Comune di Orbetello, che aveva consentito di portare a termine il progetto:

«Intanto il territorio lo dobbiamo ringraziare. A partire dal Comune di Orbetello, che ci ha consentito questa operazione di recupero.

Sicuramente Pino Daniele e il suo socio sapranno ora risolvere questa spiacevole situazione. Il cantante, intanto, potrà contare sulla serenità ritrovata in amore accanto alla sua Amanda.

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Attualità Leggi tutto