Igor Cassina è uno degli atleti che ha regalato al nostro paese la gioia di una medaglia d’oro olimpica. Il ginnasta italiano più forte di tutti i tempi, infatti, ha vinto un oro olimpico nella sbarra alle Olimpiadi di Atene 2004 ed è uno dei pochissimi ginnasti italiani ad aver dato il proprio nome ad un elemento: il Kovacs teso con avvitamento a 360° sull’asse longitudinale, infatti, è chiamato ufficialmente “Movimento Cassina”.

Nonostante una vita colma di successi a livello internazionale, attualmente Igor Cassina, 37 anni il prossimo 15 agosto, conduce una vita normalissima dopo il ritiro dall’attività agonistica. Per sottolineare la differenza che passa tra i soldi che girano nel calcio e quelli che girano in altri sport cosiddetti “minori” (soltanto per seguito di pubblico e non certo per importanza), è sufficiente dire che il ginnasta brianzolo attualmente fa il falegname.

A dire il vero, Cassina si divide tra la falegnameria di famiglia e la sua attività di insegnante di ginnastica artistica ai giovani ma è lo stesso ex atleta a precisare di guadagnare lo stretto necessario per condurre una vita tranquilla.

Ecco le sue dichiarazioni rilasciate al settimanale Dipiù:

Nel 2011, dopo una vita fatta di allenamenti, di vittorie, di medaglie, di campionati del mondo e di Olimpiadi, ho lasciato lo sport. Ora faccio il falegname. Guadagno lo stretto necessario e sono felice così. Da quando ho detto addio alle gare, la mattina aiuto mio padre nella falegnameria di famiglia e il pomeriggio, insegno ginnastica artistica ai giovani.

La sua vita normale, la medesima di tante altre persone prive di un passato sportivo glorioso come il suo, non sembra pesare a Cassina che appare ugualmente sereno:

Questa è la vita che ho accettato quando ho smesso di gareggiare e a me, ora, va bene così. Il passato è alle spalle, non vivo di ricordi. Le medaglie sono a casa. Tutte tranne quella delle Olimpiadi che è sempre con me. Ora la mia vita è un’altra: non è migliore e non è peggiore rispetto a quella che facevo prima, è semplicemente diversa.

Non solo. Igor Cassina si dimostra un uomo con i piedi saldamente a terra soprattutto con queste dichiarazioni:

Non ho nessun rimpianto. Dal giorno in cui ho vinto la medaglia d’oro alle Olimpiadi fino a quando ho lasciato lo sport, ho avuto tutto: fama, successo, macchine, donne e anche un po’ di soldi. Ma non mi sono mai montato la testa. Sapevo che prima o poi sarebbe finita. Io sono molto più fortunato di altri ex atleti perchè ho trovato un lavoro ad attendermi, perché dalla mattina alla sera ho sempre qualcosa da fare e perché sono economicamente indipendente. Sono tanti gli ex atleti che a fine carriera si sono trovati in mezzo ad una strada.

Ce ne fossero di calciatori con questa umiltà…

Foto | © Getty Images

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Attualità Leggi tutto