UPDATE: anche Lea Michele ha affidato a Twitter un pensiero per Cory Monteith nel primo anniversario della morte.

Uno scatto privato, nessuna foto da red carpet o da promozione accompagnato da una frase che punta sul ‘noi’:

“Sei nei nostri cuori oggi e ogni giorno ci ricordiamo del tuo sorriso. Ti vogliamo bene e ci manchi tanto”

scrive la Michele, che evita quindi di utilizzare la prima persona singolare e si ‘trincera’ dietro un generico noi. Chris Colfer, alias Kurt in Glee, ha ritwittato il messaggio della Michele, e solo mentre gli altri membri del cast sembrano aver voluto non rimarcare l’anniversario, lasciando solo a Lea il ‘compito’ di ricordare l’amico e il compagno di set e di vita.

Solo dopo il tweet della Michele compare il ricordo di Darren Criss, Blaine nella popolare serie tv, su Instagram.

 

“Era un ragazzo meraviglioso. Grazie per tutti i bei momenti passati insieme. Mi manchi”

la didascalia con cui l’attore accompagna una foto presa dal set di Glee. Per tutti gli amici di Cory è stata una lunga giornata. E un anno difficile.

_______

Cory Monteith, il Finn Hudson di Glee, moriva un anno fa in un hotel di Vancouver per un mix letale di alcool e droga. L’attore canadese, fidanzato nella vita e sulla scena con la collega Lea Michele – volto della popolare Rachel Berry nella serie teen musical di Ryan Murphy – ha così perso una lunga battaglia con le dipendenze, che lo aveva visto allontanarsi anche dal set della serie pur di ristabilirsi e riabilitarsi.

A un anno dalla morte lo ricorda il padre con un’intervista rilasciata a ET Canada: non che i rapporti tra i due fossero idilliaci, ma a quanto pare, proprio negli ultimi tempi prima della scomparsa del ragazzo, si erano riavvicinati.

“Mi manca sempre molto e sento ancora tanto il senso di vuoto che ha lasciato dentro di me. Cory era un ragazzo simpatico e travolgente, se eri in una stanza con lui non potevi che sorridere. Amava la vita ed è anche per questo che non riesco ancora a credere che sia andata a finire così”

ha detto il padre Joe, che non ha potuto neanche assistere ai funerali del figlio, visto che la ex-moglie – da cui ha divorziato nel 1989, quando Cory aveva appena 7 anni – non l’ha avvertito della cerimonia funebre.

“Non ho potuto vederlo per l’ultima volta, non ho potuto salutarlo: avrebbe significato molto per me”

ha raccontato il padre, sottolineando così i pessimi rapporti con la madre di Cory, che però sembra poi abbia concesso all’ex marito di accedere a parte dell’eredità del ragazzo.

Ma la principale eredità di Cory è il ricordo che ha lasciato tra gli amici, i colleghi e i fans che oggi lo ricordano con tweet e omaggi. Essenziale, e in un certo senso lapidario, il ricordo di Ryan Murphy, il creatore di Glee: “Mi manchi” scrive Murphy, postando gli anni di nascita e morte di Monteith.

Lo ricorda anche Harry Shum Jr, che in Glee ricopre il ruolo di Mike Chang.

“Penso spesso ai bei momenti che ho condiviso con Cory e sorrido. Era un gentiluomo, una persona gentile e mi mancherà per sempre”.

In attesa di un cenno da parte di Lea Michele, compagna di Cory negli ultimi anni della sua vita e a breve in Italia per partecipare al Giffoni Film Festival, e degli altri compagni del cast, la famiglia di Glee si stringe intorno a Becca Tobin, che ha perso il fidanzato appena qualche giorno fa. Luglio non è un mese propizio per la serie…

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Attualità Leggi tutto