“Questa sera c’è il delirio al Maracanã, da qua fuori sento i cori sha la la, un sospiro, gli occhi chiusi sarò già là, tra i tamburi e i colori della città” canta festostamente Emis Killa in Maracanã, il brano che fa da sigla dei Mondiali in Brasile su Sky Italia ormai da quasi un mese.

Il rapper, grande amico di Mario Balotelli, ieri su Twitter ha commentato l’umiliante disfatta del Brasile, battuto per 7-1 dalla Germania in semifinale. Un risultato devastante e storico, considerato l’ambiente in cui si è giocato (60 mila tifosi verdeoro contro soli 2 mila tedeschi, un Paese intero in strada e in spiaggia a sostegno della Seleçao) e l’importanza della partita.

Ebbene, Emis Killa con un tweet ha mostrato tutta la sua competenza calcistica lanciandosi in un’analisi (sic) che definire ingenua è poco:

Che sarebbe come dire ‘Comunque vendere un disco è diverso da zero; ovvio che è comunque poco, ma non è zero”. Insomma, banalità e pochezza di argomenti in meno di 140 caratteri. Il rapper ha prontamente risposto alle critiche rivoltegli per il tweet appena scritto:

Alla fine, non curante del rischio di peggiorare la sua situazione, ha annunciato la messa in onda su Sky Mondiale 1 di Deejay Mondiale, il programma che conduce dedicato alla musica e al torneo calcistico più prestigioso.

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Cantanti Leggi tutto