parliamo diMario Balotelli

Ghana ed Italia sono prematuramente usciti dai Mondiali di calcio in Brasile ma le polemiche non si arrestano. A metterci il carico da novanta ci pensa Kevin Prince Boateng che, ritornato tra le braccia dell’amatissima compagna (e mamma di Maddox), Melissa Satta, ha avuto qualcosa da ridire sul comportamento dentro (e fuori) dal campo di Mario Balotelli. Ai microfoni di Sky, il calciatore ha consigliato al collega di tenersi lontano da vicende di cronaca rosa per dare il proprio meglio sul campo:

L’Italia aveva tutte le possibilità di fare bene. Quando hanno giocato con l’Inghilterra, ho pensato che ce la potessero fare, ma manca sempre qualcosa. Perché possono giocare benissimo e poi farsi battere da una squadra come la Costa Rica. Possono giocare un calcio bellissimo e altre volte non mostrare nulla. Balotelli ha bisogno di tempo, ogni anno e al centro dell’attenzione. L’unica cosa che può fare per se stesso è stare bene lontano dall’attenzione mediatica, dai gossip, dai paparazzi e concentrarsi solo sul suo lavoro, gli basterebbe quello. Concentrarsi sul gioco e stare lontano dal resto. Gli ho anche detto di dimenticare tutto e di concentrarsi sul suo lavoro.

Boateng ha dato anche la propria versione sulla presunta lite con Muntari (sedata sul nascere a suon di tweet) che gli è costato l’allontanamento prematuro dalla propria squadra:

os’è successo prima della partita con il Portogallo? Eravamo in campo e stavo scherzando con Muntari sulla partitella che stavamo giocando. Gli ho chiesto se sarebbe stato lui l’arbitro e ci siamo messi a ridere. L’allenatore ha pensato stessi parlando di lui o che lo avessi insultato. Ma non era vero. Gli ho detto che parlavo con Muntari e lui stesso glielo ha detto. Ma credo che l’allenatore avesse un problema con me e che aspettasse solo un momento come quello per litigare con me. Ha continuato ad urlare, mi ha insultato davanti a tutti, anche gli altri giocatori lo hanno sentito. Questa è la storia. Credo di essere stato cacciato dalla squadra per aver detto la verità. E’ successo di domenica, nel pomeriggio, e mi hanno cacciato giovedì. Quindi, se avessi fatto qualcosa di così sbagliato, perché non cacciarmi il lunedì mattina? Credo che sia perché ci siamo incontrati con la delegazione e il presidente della GFA (l’Associazione calcio ghanese, ndr) e io ho parlato per 20 minuti durante i quali ho chiesto dove sono finiti i soldi che prendiamo dalla Fifa. Tutti pensano che facciamo chissà quale bella vita. Ovviamente siamo tutti onorati di giocare per la nazionale, ma il modo in cui viaggiamo, il modo in cui voliamo, i nostri alberghi… Non credo che spendano i soldi per i nostri viaggi. Io voglio semplicemente sapere dalla GFA dove va a finire il denaro che prendono. Noi non ci siamo divertiti. E’ stata una bruttissima esperienza. E’ per quello che siamo usciti, che abbiamo fatto solo un punto, era impossibile fare bene.

Farsene una ragione a posteriori, no?!

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Calciatori Leggi tutto