lele mora

È arrivata pochi minuti fa la notizia che nella tarda mattinata di oggi Lele Mora ha tentato in carcere il suicidio per asfissia. Lo riferisce Eugenio Sarno, segretario generale Uil Pa Penitenziari:

“Lele Mora è ristretto nel reparto ‘Nuovi Giunti’ del carcere milanese di Opera, ed era già sottoposto a particolare sorveglianza. Il tentativo è stato posto in essere con dei cerotti, regolarmente detenuti in cella, che Mora ha applicato su naso e bocca. Ovviamente l’intervento dell’agente di sorveglianza è stato efficace ed immediato. Considerate le modalità più che ad un reale tentato suicidio è forse più appropriato riferirsi a un gesto dimostrativo, che non è escluso possa essere stato messo in piedi per attirare l’attenzione sulla sua vicenda processuale”.

Ricordiamo che Mora è rinchiuso nel carcere di Opera dalla fine di giugno, per la bancarotta della sua società Lm, fallita nel giugno 2010 con un buco da 8,5 milioni di euro. Per queste accuse ha patteggiato una pena a 4 anni e 3 mesi, ma subito dopo ha fatto ricorso in Cassazione e in questi giorni sperava di poter uscire dal carcere. Il tribunale del riesame di Milano si è riservato di decidere sulla richiesta di scarcerazione presentata dai legali e ha fissato la data della decisione per il prossimo 4 gennaio.

I suoi legali si sono lamentati:

“Siamo furibondi, nessuno dal carcere ci ha avvisato e siamo venuti a sapere del tentato suicidio dalla stampa”.

I difensori denunciano da tempo che Mora è in condizioni critiche di salute, sia dal punto di vista psicologico che dal punto di vista fisico, che ha perso 30 kg e sta su una carrozzella. Ricorderete che è notizia di pochi giorni fa la creazione di un gruppo Facebook per aiutare Lele Mora, ed è anche stata indetta una colletta per dare una mano all’ex agente dei vip.

Fonte: Repubblica

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Attualità Leggi tutto