Sara Tommasi, il produttore del film a luci rosse Confessioni Private è stato condannato

Giuseppe Matera è stato condannato a due anni e dieci mesi di reclusione.

Recentemente, la showgirl Sara Tommasi è tornata a parlare dopo un notevole periodo di silenzio, necessario per ripulirsi in parte una reputazione ormai irrimediabilmente segnata da un lungo periodo costellato da eccessi, problemi di droga, fragile equilibrio psichico e dai famosi film a luci rosse che hanno messo definitivamente k.o. la sua carriera televisiva.

La Tommasi, che attualmente lavora per il famoso avvocato-scrittore Alfonso Luigi Marra (che, non dimentichiamoci, anche lui ha sfruttato il corpo della showgirl per le sue battaglie complottiste contro il signoraggio bancario), ha completamente rinnegato il suo breve trascorso nel mondo dell’hard.

Una di queste pellicole dal titolo Confessioni private, per giunta, è stata oggetto di un processo: il produttore del film Giuseppe Matera, il manager Vincenzo Di Federico, entrambi attualmente agli arresti domiciliari, gli attori Fausto Zulli e Pino Igli Papali e il regista Max Bellocchio sono indagati per violenza sessuale di gruppo per induzione. In breve, Sara Tommasi sarebbe stata costretta a girare del materiale pornografico in un albergo di Salerno, facendo leva sulla sua fragilità psico-fisica.

Durante la giornata di oggi, è arrivato il primo verdetto di questo processo. Giuseppe Matera è stato condannato a due anni e dieci mesi di reclusione dal giudice dell’udienza preliminare del tribunale di Salerno, Renata Sessa, che ha accolto la richiesta del pubblico ministero, Elena Guarino.

Matera, collaborando con la procura e consegnando altro materiale a luci rosse girato in Ungheria, ha ottenuto la pena più bassa per questa tipologia di reato, come hanno confermato i suoi legali Antonio Ciliberti e Claudio D’Amato.

L’avvocato Saverio Campana, che ha rappresentato Sara Tommasi, invece, ha manifestato la propria soddisfazione per la sentenza, di cui le motivazioni saranno depositate tra 90 giorni:

Siamo soddisfatti perché con questa sentenza si è potuta accertare la verità.

Il prossimo 18 giugno, invece, ci sarà l’udienza per quanto riguarda gli altri indagati, Di Federico, Zulli, Papali e Bellocchio. Anche la stessa Sara Tommasi sarà ascoltata dal giudice.

Foto | © Getty Images

I Video di Gossip Blog

Ultime notizie su Sara Tommasi

Tutto su Sara Tommasi →