Francesca De Andrè torna a commentare la vicenda che la vede protagonista suo malgrado. Si tratta dell’accusa di aver rubato oggetti per 12 mila euro, che aveva già smentito su Twitter parlando di pagliacciata e bugie. Intervistata dal settimanale Visto, la nipote di Fabrizio e figlia di Cristiano De Andrè ha ribadito la sua versione dei fatti, arricchendola di particolare. Innanzitutto ha precisato di essere totalmente innocente:

Non ho nulla di cui vergognarmi. Ho scoperto l’esistenza di un processo a mio carico mentre ero a Praga per girare il video musicale del mio nuovo singolo, ‘Yes sir, I can boogie’. Mi hanno chiamata degli amici che avevano letto sui giornali ‘Francesca De André è una ladra ed è sparita’. Assurdo. Non vedo l’ora che inizi il processo per dire la mia.

La prima udienza era fissata proprio per oggi, 22 maggio. La De Andrè ha svelato come ha scoperto della grave accusa nei suoi confronti:

Quando mi hanno avvisata dell’esistenza di un processo a mio carico mi sono spaventata. Non è una cosa carina finire sui giornali per appropriazione indebita. Mi hanno chiamata amici di famiglia che mi conoscono da quando sono piccola. Ora sono serena. Non ho fatto nulla di cui vergognarmi.

La fidanzata dell’ex tronista Daniele Interrante si è detta sorpresa del fatto che risulti irreperibile visto che “sono ancora residente a casa di mia madre”, sebbene a breve la trasferirà nella casa comprata col compagno. Quindi ha raccontato cosa è successo tre anni fa quando “cercavo una casa in affitto a Milano”:

Sono andata in Via Volta da un amico che ha un’agenzia immobiliare. Mentre eravamo al bar a prendere un caffè si è avvicinato un signore distinto e molto educato. Ha chiesto scusa per l’intromissione e mi ha detto che aveva sentito che stavo cercando un appartamento, e voleva propormi il suo. Sono andata a vederlo, mi è piaciuto e ho deciso di prenderlo. Ogni mese gli pagavo 1.100 euro di affitto.

Insomma, niente accordo in amicizia perché “non conoscevo quel signore” e “ogni mese gli versavo in banca l’affitto”:

Ho dato al mio avvocato tutte le ricevute. E la copia in originale del contratto che abbiamo stipulato.

francesca de andrè

Ma allora cosa ha spinto quel signore a portare l’ex naufraga de L’Isola dei famosi in tribunale?

Perché sono successe cose ben più gravi. Dopo qualche mese mi hanno staccato la luce e il gas. Io davo a lui i soldi per pagare le bollette ma, chiamando l’azienda, ho scoperto che non aveva fatto i pagamenti. Ho provato a contattarlo, ma non mi rispondeva al telefono. Così, facendo alcune indagini su di lui, ho scoperto la verità. Non era il proprietario dell’appartamento che occupavo, ma un semplice affittuario. E, anche in questo caso, non versava i soldi dell’affitto alla vera proprietaria da un anno. E per questo aveva un’ingiunzione di sfratto a suo carico.

La De Andrè infatti ha riferito di aver parlato con la vera proprietaria dell’appartamento, che avrebbe capito che lei non c’entra nulla nella vicenda:

Ecco perché sarà uno dei miei testimoni al processo. Siamo entrambe vittime di questo signore. Oltretutto mi sono accorta che, quando non ero in casa, lui entrava e mi buttava all’aria le mie cose. Gli ho fatto scrivere dall’avvocato una diffida, ma dopo una settimana sono andata via. Avevo troppa paura. Mentre dormivo chiudevo la porta dall’interno e sentivo qualcuno che da fuori provava ad infilare la chiave nella serratura. E quando sono andata via questa persona ha iniziato ad inviarmi una serie di sms da squilibrato.

La De Andrè ha anche una spiegazione in merito alla testimonianza della portiera dello stabile che l’avrebbe vista portare via i mobili. Trattavasi di semplice trasloco, documentabile a quanto pare:

Tra l’altro sono una persona precisa e ho tutte le ricevute dei mobili che mi accusa di avergli sottratto. Mentre altri, per esempio le lampade, sono regali di persone che ho già inserito nell’elenco testimoni.

Infine, l’amarezza:

Mi dispiace solo che i giornali si siano occupati di me in modo così negativo, proprio ora che sto per lanciare il mio progetto musicale.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Dichiarazioni e interviste Leggi tutto