michael jackson conrad murray

Quattro anni, il massimo della pena. È stata emessa ieri dal giudice Michael Pastor la sentenza di condanna nei confronti di Conrad Murray per l’omicidio colposo di Michael Jackson. Nel discorso che ha preceduto la condanna, il magistrato ha avuto parole durissime per l’operato del dottore personale del defunto Re del Pop, accusandolo di aver svenduto la propria professione per uno stipendio di 150mila dollari al mese.

Bisogna chiarire che non si può tollerare la medicina sperimentale e il signor Jackson è stato un esperimento.

Con queste parole il giudice ha fatto chiaro riferimento alla somministrazione del potentissimo farmaco Propofol prescritta dal dottor Murray al suo paziente più famoso. Una scelta rivelatasi in seguito mortale per le sorti di Michael Jackson. La famiglia della pop-star si è detta soddisfatta dalla decisione del giudice di infliggere la massima pena all’unico imputato. Con molta probabilità il dottor Murray passerà meno di due anni in carcere a causa del sovraffollamento delle carceri californiane.

Via | Yahoo

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Attualità Leggi tutto