Lorenzo Crespi: "Sono tornato a Roma dopo due anni di Alcatraz a Messina!"

Lorenzo Crespi, ospite a Domenica Live, ci aggiorna sulle sue condizioni di salute (e incontra Maurizio Costanzo...)


Barbara d'Urso ha ospitato nuovamente Lorenzo Crespi, in chiusura della puntata odierna di Domenica Live. L'attore, affetto da un grave problema di salute ai polmoni, durante l'incontro televisivo precedente si era lanciato in un vero proprio sfogo a favor di telecamera, dicendo che avrebbe tanto voluto lasciare Messina, sua città natale, per andare a curarsi a Roma dove poi avrebbe operato come volontario in una comunità cha aiuta ragazzi in difficoltà. Oggi, prima di tutto, ha voluto precisare che la sua insofferenza nei confronti di Messina, non fosse rivolta alla città in generale:

Non è che spostarmi da Messina fosse il mio primo traguardo perché odio Messina. Il mio messaggio era per un gruppo di persone di quella città. Conoscendo i miei cittadini, se avessero capito che il messaggio era totale, credimi che qualcuno al citofono mi sarebbe venuto a suonare. Comunque tornare a Roma è stato come tornare a casa dopo due anni di Alcatraz.

E così, grazie anche alla solidarietà dei telespettatori di Domenica Live che già settimana scorsa gli avevano offerto in diretta ospitalità gratuita nella capitale, venerdì scorso Lorenzo ha fatto le valigie per Roma, dove ora è ospite di un albergo insieme al suo cane Lory. Le sue condizioni di salute, sembrano già essere migliorate, anche se l'attore non ha smesso di fumare:

La febbre ora non c'è, la tosse è diminuita, sono due giorni che passeggio di continuo, respiro, prendo aria. Per me dormire quattro ore senza tossire è stato un gran passo avanti, stanotte. Per quanto riguarda le sigarette, anche nel filmato avete visto che fumo. Non nascondo nulla: quelle tre o quattro sigarette al giorno non riesco proprio a togliermele!

Appena prima della partenza, però, una brutta notizia ha offuscato la sua quasi ritrovata serenità:

Due giorni prima di partire ho scoperto che mia mamma ha un enfisema. Me l'ha detto lei. Evidentemente le mie bolle congenite vengono magari da mamma. Forse anche lei le aveva già e non lo sapeva. L'ho sentita stamattina ma abbiamo parlato d'altro. Mi manca, mi manca proteggerla: per me è un po' come una sorella grande da tutelare. Fino a quando rimarrà su questa terra la proteggerò come ho sempre fatto fin da piccolino. Purtroppo non l'ho vissuta abbastanza perché me ne sono andato via presto. Lei è l'unica persona che conosce la mia vita anche se ho sempre cercato di tenerla lontana.

L'attore si è poi emozionato durante l'incontro con Maurizio Costanzo che lui considera come un vero e proprio padre:

Io conosco Maurizio. Sapere che una persona come lui che ha avuto qualche piccolo problema di salute recentemente, si è mosso così tanto per me...mi ha emozionato tantissimo. Io ho sempre avuto la confidenza di un figlio con lui. Anche quando lavoravamo insieme nel '96 a Buona Domenica, stavamo sempre una trentina minuti da soli in ufficio prima della puntata. Avevamo un rapporto molto bello e molto nostro.

Infatti Costanzo gli ha voluto dare un grande incoraggiamento, chiedendogli poi di restare in contatto con lui per tenerlo aggiornato dei suoi progressi:

Dopo che hai cominciato ad andare in questa comunità, mi vieni a trovare e mi racconti cosa stai facendo. Sei un grande, sappilo. Non ti commuovere! Dai, che ce la puoi fare. L'importante è che tu sia uscito da Messina!

Eh sì, perché Lorenzo ha ormai detto addio ai riflettori per dedicarsi anima e corpo al volontariato in una comunità romana che aiuta ragazzi disagiati. In questi giorni si è recato per la prima volta da loro e ne è rimasto estasiato tanto da dire a Barbarella:

In quella comunità in venti minuti sono riusciti a capire e vedere quello che in ventidue anni l'ambiente dello spettacolo non si è mai nemmeno avvicinato a capire. Hanno capito Lorenzo Crespi.

In bocca al lupo!

Schermata 2014-03-16 alle 18.14.49

  • shares
  • Mail