La notizia di Kasia Smutniak incinta arriva direttamente dal palco dell’Ariston, all’ultima edizione del Festival di Sanremo. A dire il vero non è servita alcuna parola nè conferma, perché a dare la certezza della lieta notizia sono bastate le forme arrotondate della pancia dell’attrice.

Nei giorni scorsi siamo tornati sull’argomento perché a La Vita in diretta Roberto Alessi, direttore di Novella2000 e Visto, ha confermato la notizia, fornendo ulteriori dettagli, sia per quanto riguarda il sesso del nascituro, che sarebbe maschio, sia per quanto riguarda il nome che Kasia e Domenico Procacci potrebbero scegliere per il bambino, Pietro. Tanto che queste ipotesi sono finite persino sulla copertina del numero di Visto in edicola questa settimana.

La Smutinaik però non ci sta e rilascia in esclusiva a Oggi.it la sua smentita, dicendosi molto amareggiata per quelle voci:

Smentisco nel modo più assoluto che mio figlio si chiamerà Pietro e non ho mai detto che sarà un maschio. Non è nemmeno vero che alcune persone intorno a me stiano facendo pressioni in questo senso, è del tutto inventato. Mi amareggia molto questa invasione del mio privato e trovo di pessimo gusto queste insinuazioni gratuite. Far nascere un chiacchiericcio circa il nome da dare a nostro figlio è perlomeno offensivo.

Scagliandosi contro chi ha messo in giro una tale falsità, l’attrice chiede rispetto e privacy, in un momento che per lei e il compagno dovrebbe essere di gioia:

Chi diffonde queste falsità dovrebbe capire che comportamenti del genere giocano con il dolore – e a volte con la gioia – delle persone. E dovrebbe porsi il problema di rispettare il nostro desiderio di vivere serenamente questo momento. Chiediamo solo di essere lasciati in pace.

Insomma, quelle uscite fino a questo momento non sono altro che bugie. L’unica cosa vera in tutta questa storia è la sua gravidanza che, se possibile, la rende ancora più bella.

Fonte | Oggi

187472098CS00082_Opening_Ce

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Dichiarazioni e interviste Leggi tutto