Andrea Milco Skofic, unico figlio di Gina Lollobrigida, nato dal suo primo matrimonio con il medico sloveno Milko Skofic, si è rivolto al giudice tutelare perché “mia madre ha bisogno di un amministratore di sostegno, temo non sia più in grado di fare da sola”.

La richiesta del figlio, unico erede dell’attrice che a luglio prossimo compirà 87 anni, nasce dalle note vicende in cui la Lollo è stata coinvolta negli ultimi tempi.
A partire dalla denuncia che l’attrice ha presentato nei confronti di Javier Rigau, 44enne spagnolo (43 anni meno di lei), con cui ha avuto una relazione tra il 2006 e il 2007. L’attrice italiana infatti si era accorta soltanto dopo alcuni mesi di frequentazione che “potrei essere stata raggirata da Javier”, il quale “potrebbe avermi sposata per procura in Spagna a mia insaputa, senza il mio consenso, allo scopo di ereditare i beni dopo la mia morte”, sfruttando peraltro lo stato di depressione della stessa Lollobrigida.

Il figlio però sarebbe stato allarmato anche da altri episodi simili (questa inchiesta, intato, è ancora in corso).

Recentemente l’artista italiana famosa in tutto il mondo aveva anche venduto una parte dei suoi gioielli in un’asta alla Sotheby’s di Ginevra, incassando diversi milioni di euro (che sarebbe stato devoluti per la ricerca sulle staminali), ma è stata vista in compagnia di un altro giovanissimo assistente-factotum.

L’udienza è stata fissata ad aprile prossimo. Non si tratta di una richiesta di interdizione, ma solo della presenza di qualcuno che “controlli” e opponga anche la sua firma su eventuali documenti di compravendite, contratti e investimenti.

Secondo indiscrezioni, Gina non avrebbe alcuna intenzione di accettare la richiesta del figlio perché ritiene di essere “perfettamente in me”.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto