Domenica da dimenticare per Sam Worthington. Ieri sera l’attore 37enne è finito in manette dopo una colluttazione avvenuta al di fuori di un bar del Greenwich Village, a New York.

Stando a quanto riferito dalle autorità, la fidanzata di Worthington, Lara Bingle, sarebbe stata presa a calci da un paparazzo all’uscita del locale. I motivi dell’aggressione non sono ancora chiari. Il vecchio Sam, ovviamente, non è rimasto con le mani in mano. Letteralmente parlando. Dopo un attimo di smarrimento, l’invadente fotografo si è visto scodellare in faccia un pugno degno di un boxeur.

Intervenuta sul luogo, la polizia ha arrestato entrambi gli uomini. La star di Avatar, terminati gli accertamenti, è stata rimessa in libertà, ma dovrà presentarsi in tribunale per rispondere del suo gesto. Come anche il paparazzo.

Non è la prima volta che il divo australiano finisce nel mezzo di una rissa. Era già successo nel 2012; in quell’occasione a farne le spese fu un componente della security di una discoteca.

Il bel Sam si è presentato al ristorante Vortex di Atlanta, Georgia, sabato sera. Peccato che il buttafuori del locale non si sia prostrato ai suoi piedi nel vedere una stella di Hollywood, negandogli l’ingresso. Non l’avesse mai fatto. Worthington ha infatti aggredito il buttafuori, spintonandolo e prendendolo a male parole. Per riuscire a difendersi dall’aggressione, il buttafuori sarebbe dovuto ricorrere allo spray urticante.

Un bel caratterino, insomma.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto