Silvio Berlusconi e Veronica Lario hanno divorziato ufficialmente. Stando a quanto riportato da fonti definite ‘qualificate’ dalle agenzie di stampa, il Tribunale di Monza con una sentenza parziale ha dichiarato lo scioglimento del matrimonio. Resta ancora in piedi invece il contenzioso economico tra il Cavaliere e la ex moglie.

Di fatto il provvedimento di Monza modifica solo lo stato civile del leader di Forza Italia e di Veronica Lario, ponendo fine al loro matrimonio celebrato nel dicembre 1990 dall’allora sindaco di Milano ed esponente del Partito socialista Paolo Pillitteri, dopo la nascita dei figli Barbara, Eleonora e Luigi.

Restano aperti i due procedimenti davanti alla Sezione Famiglia della Corte d’appello civile di Milano che riguardano l’appannaggio mensile che Berlusconi dovrà versare a sua moglie.

Il primo riguarda il ricorso di Berlusconi contro il maxi assegno da 3 milioni al mese per Veronica, disposto dal Tribunale milanese nel dicembre 2012 con la sentenza di separazione e ribadito qualche mese fa con il no della Corte d’Appello di Milano al ricorso presentato dall’ex Premier.

Il secondo riguarda il reclamo della signora Lario contro la riduzione “temporanea” a 1,4 milioni al mese dello stesso assegno stabilita dal giudice di Monza, Anna Maria Di Oreste, dopo la prima udienza della causa di divorzio avviata la scorsa estate dal Cavaliere.

Solo poche ore fa è stata diffusa l’indiscrezione riguardante una presunta lite avvenuta tra Berlusconi e la nuova fidanzata Francesca Pascale, la quale avrebbe rifilato due schiaffi al Cavaliere dopo averlo beccato al telefono con Barbara Guerra.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Italiano Leggi tutto