Robin Wright non usa mezzi termini per descrivere il fallimento del matrimonio con Sean Penn. La star di House of Cards, con la tranquillità del navigatore scampato alla tempesta, ha affrontato l’argomento nel corso della lunga intervista rilasciata al Telegraph.

Il divorzio in sé, e in più con dei figli di mezzo, è devastante. Anzi, peggio. Uno dei motivi per cui siamo tornati insieme dopo tante rottura era perché volevamo cercare di tenere unita la famiglia. Se hai dei figli, ci provi e ci riprovi ancora. Lo abbiamo fatto a lungo.

Non a caso gli ultimi anni insieme della coppia sono stati segnati da numerose crisi, l’ultima delle quali – nel 2010 – ha portato alla sfaldamento definitivo della loro relazione. A 4 anni da quel momentaccio, entrambi sembrano aver ritrovato la serenità: l’attore Premio Oscar si sta lasciando coccolare da un’altra bellissima, Charlize Theron, mentre l’ex moglie ha intrapreso una relazione con l’attore Ben Foster. E proprio quest’ultimo, incurante della promessa di lei (“Non mi sposo più!”), si è fatto avanti poche settimane fa con una proposta di matrimonio.

Surreale“, così la Wright ha descritto la terza volta da promessa sposa (la prima risale alla fine degli anni ’80, lui era l’attore Dane Witherspoon). In onore delle nozze incombenti, la protagonista della Storia Fantastica si è fatta tatuare una B sull’indice della mano sinistra.

Ben ha una R nello stesso posto. Per una vita sono stata contro i tatuaggi. Ma questa volta mi sembrava giusto farlo perché non siamo tradizionali.

Dopo due fallimenti, che sia questa la volta buona?

Via | Telegraph

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Dichiarazioni e interviste Leggi tutto