UPDATE 11.38 È stata ritrovata l’auto rubata a Behrami ieri sera. La vettura è stata rintracciata dalla polizia a Fuorigrotta, in via Cerlone, grazie al sistema satellitare.

Si è sfogato con un tweet dal contenuto inequivocabile. Valon Behrami, centrocampista svizzero del Napoli, poche ore fa ha fatto sapere di aver subito un nuovo furto nel capoluogo campano. A dicembre 2012 gli fu strappato dal polso un orologio di importante valore, stavolta invece al calciatore è stata rubata l’automobile.

Secondo quanto ricostruito, l’episodio è avvenuto ieri, martedì 11 febbraio, alle sette della sera in via Caravaggio dove Behrami si era recato per fare spese a un supermarket in compagnia della moglie. Quando ne è uscito non ha più trovato la Smart che aveva preso a noleggio.

A quanto pare Behrami non ha sporto denuncia, anche se ha espresso tutta la sua rabbia con un tweet pubblico. Quando gli è stato fatto notare che un episodio del genere sarebbe potuto avvenire anche in un’altra città, il calciatore ha risposto così:

Al momento non è chiaro se ci sia un collegamento tra quanto avvenuto ieri sera e la serie di rapine ai danni dei giocatori azzurri negli ultimi anni. Si va dalla moglie di Edinson Cavani, Maria Soledad, al procuratore del Matador Claudio Anellucci; dalla moglie del centrocampista Marek Hamsik, Martina, alla fidanzata dell’ex azzurro Ezequiel Lavezzi, Yanina Screpante fino alle mogli dei difensori Salvatore Aronica e Ignacio David Fideleff, senza dimenticare il furto più recente avvenuto a dicembre 2013 in casa del difensore argentino Federico Fernandez.

Ricordiamo che, in base a quanto raccontato dal pentito di camorra Salvatore Russomagno dietro a questi episodi ci sarebbe la camorra; infatti a mettere in pratica i furti e le rapine sarebbero gruppi di ultrà spalleggiati dall’organizzazione criminale intenzionati a punire i giocatori che non partecipano alle manifestazioni organizzate dai tifosi.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Calciatori Leggi tutto