Leonardo DiCaprio? Un tipo “dolorosamente normale”. Attenzione, non siamo noi a scriverlo. Le parole in questione provengono dalla bocca di Kevin Connolly, amico di vecchia data dell’attore, e sono contenute nel profilo che il Los Angeles Times ha dedicato a DiCaprio.

A dirla tutta, tanto normale è: tralasciando la sfilza di modelle che si sono alternate al suo fianco, Leo ha collezionato una serie di premi e nomination niente male. Il 2014 potrebbe essere l’anno giusto per portarsi a casa l’Oscar come migliore attore per la sua performance in Wolf of Wall Street.

Trattasi di un personaggio che ha richiesto un lavoro di immedesimazione non da poco. Contrariamente a Jordan Belfort, il truffatore americano interpretato sul grande schermo, DiCaprio non ha mai fatto uso di sostanze stupefacenti. È lui stesso a confessarlo.

Mai! Vedevo quelle cose da quando avevo 3 o 4 anni. Quindi, per me, Hollywood è stata una passeggiata. Andavo alle feste e la roba c’era, certo, c’è quella tentazione. Hollywood è un posto molto pericoloso, in cui gli artisti arrivano e vogliono sentirsene parte. Essere un attore ed essere oggetto di critiche da giovane ti rende molto vulnerabile.

Ciononostante l’ex di Bar Refaeli e Gisele Bundchen non si è fatto travolgere dal successo di Titanic, affermandosi – film dopo film – come uno dei più grandi interpreti della sua generazione.

A pochi mesi dalla soglia dei 40 anni, e con una carriera ventennale nel mondo dello spettacolo, DiCaprio è uno dei pochi artisti a non aver vissuto in pubblico esaurimenti nervosi o scandali causati da una vita sregolata. Una rarità, come il suo talento.

Via | Los Angeles Times

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto