Gianni Sperti tramite la sua pagina Facebook ha commentato quanto accaduto nella puntata di Uomini e donne andata in onda lunedì scorso. L’opinionista era stata accusato dalla corteggiatrice di Aldo, Alessia Cammarota, di averle lanciato contro un cartellino (di quelli che ogni corteggiatore porta sul petto con scritto il proprio nome) durante una precedente registrazione. A quel punto l’ex ballerino aveva abbandonato lo studio indignato. Al suo rientro, la stessa cosa aveva fatto la bella Alessia. Il messaggio di Sperti si apre con una lunga premessa:

Comincio col ringraziarvi perché siete sempre numerosi e partecipi su questa mia “unica” pagina ufficiale!
Sapete che non amo discutere gli argomenti della puntata al di fuori degli studi ma non posso fare finta di non leggere cadendo nell’errore di sembrare strafottente. In democrazia esiste la libertà di opinione, fortunatamente, senza però dimenticare che esistono i modi e le parole per esprimere lo stesso concetto senza l’obbligo di usare un linguaggio scurrile. Ovviamente che sia riferito a me o a qualsiasi altra persona. Pensate se le stesse frasi, invece che sui social, le usassimo di persona. Casa accadrebbe?
Per quanto riguarda il termine “RISPETTO” non amo nessun tipo di classificazione o di età per poterlo adottare.
Preciserei inoltre che alcune situazioni vanno giudicate solo se si è presenti e non per simpatie o antipatie, la stessa simpatia o antipatia che attribuite al mio modo di confrontarmi.

Quindi le scuse ai telespettatori:

Mi scuso con i telespettatori e con tutti voi per non aver trattenuto il mio dispiacere ed essere uscito dallo studio ma il mio atteggiamento e la mia reazione erano frutto di un susseguirsi di spiacevoli situazioni che cominciavano a degenerare… è scontato che chi viene in un programma televisivo è consapevole che tutto ciò che dice o fa può essere sottoposto a commento generale e questo vale anche per me.

A questo punto il collega di Tina Cipollari tiene a precisare che quello di opinionista è un lavoro vero e proprio:

Mi dispiace se qualcuno si è sentito offeso perchè è stato definito “lavoro” quello che io svolgo in televisione, ma provenendo da una famiglia umile ed avendo anche fatto i lavori pesanti di manovalanza posso sicuramente confermare che essere ospite in un programma, condurre una trasmissione televisiva, danzare o comunque svolgere qualsiasi lavoro che non implica uno sforzo fisico ma mentale è pur sempre un lavoro, anche se meno faticoso “fisicamente”… e così deve essere definito.

Infine, il chiarimento in merito ai giudizi – talvolta volgari e al limite della denuncia penale – che lo stesso Sperti rilascia nelle puntate del programma condotto da Maria De Filippi:

Inoltre aggiungo che giudicare un percorso di un corteggiatore o di un tronista (cosa che accade da sempre e cioè da quando esiste Uomini e Donne) è un giudizio circoscritto all’interno del programma e non sulla persona. Quello che è accaduto nei miei confronti, invece, è stato un giudizio negativo e pregiudizievole sulla mia persona.
Tutto questo perché mi sentivo in dovere di darvi delle spiegazioni senza per questo pretendere il vostro consenso!
Superato il momento di defaillance e sereno via auguro una splendida giornata!

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Televisione Leggi tutto