Ieri sera è arrivata la sentenza dell’appello bis di Firenze per l’omicidio di Meredith Kercher, che ha condannato Amanda Knox a 28 anni e 6 mesi e Raffaele Sollecito a 25 anni. Se la prima è rimasta in America e ha più volte detto di non voler tornare in Italia, il secondo è rimasto nel nostro Paese per il processo, e anche ieri era a Firenze in attesa della sentenza, almeno fino al primo pomeriggio, quando ha fatto perdere le sue tracce, probabilmente subodorando la condanna in arrivo.

Si è aperto così un piccolo giallo: Raffaele è tornato a casa in Puglia? Si è dato alla fuga in qualche paese senza estradizione? La Corte d’appello di Firenze con la condanna ha del resto previsto il ritiro del passaporto al ragazzo, con tanto di divieto di espatrio, proprio per evitare che potesse sottrarsi alla giustizia italiana. In poche ore ecco però che il ‘giallo’ è risolto: Raffaele viene fermato dagli agenti della squadra mobile, questa mattina presto, all’hotel Carnia di Venzone, un paesino tra Udine e Tarvisio a pochi chilometri dal confine austriaco e sloveno. Con lui una ragazza, che risulta essere la sua nuova fidanzata, Greta, hostess 31enne di Oderzo (Treviso). Lui si è giustificato così con gli inquirenti, secondo quanto riferito dal suo legale all’Ansa:

Ho fatto un giro in Austria. Poi sono rientrato in Italia. Mi sono fermato lì a riposare… Non ho mai pensato di fuggire. Né prima né tantomeno ora.

L’avvocato Maori ha anche aggiunto che Sollecito ha raggiunto la fidanzata in Friuli perchè “stressato” dalle sue vicende processuali:

Il nostro assistito non ha mai pensato alla fuga e ha consegnato spontaneamente il passaporto. Ora è in attesa che vengano apposti alcuni timbri e completate le pratiche burocratiche.

Su Repubbica.it leggiamo che Greta fa la hostess di terra per una compagnia aerea, al ‘Marco Polo’ di Tessera e vive a Ponte di Piave insieme ai suoi genitori:

I due, nei giorni scorsi, erano stati visti diverse volte passeggiare amorevolmente per il centro di Oderzo, un comune che dista una decina di chilometri da dove l’assistente di volo vive. Il flirt tra i due è noto nella zona dove è conosciuta la giovane, una ragazza bionda e con gli occhi castani. Pare che si frequentassero da qualche settimana: l’incontro tra Greta e Raffaele sarebbe avvenuto a bordo di un aereo in un periodo in cui la ragazza faceva la hostess di volo.

Insomma, nessuna fuga per Raffale, ma solo la voglia di trascorrere un brutto momento tra le braccia della nuova fidanzata che, se la Cassazione dovesse poi confermare la sentenza di Firenze, si ritroverebbe a doverlo aspettare fuori dal carcere a lungo.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto