Justin Bieber, proposta choc: "Deportiamolo"

La proposta dovrà raggiungere le 100mile sottoscrizioni per essere valutata dalla Casa Bianca

Drake Bell

Incredibile: sul sito della Casa Bianca è comparsa una petizione che invoca la deportazione di Justin Bieber. Come già precisato innumerevoli volte, la pop-tar 19enne è nata e cresciuta in Canada ed è residente negli Stati Uniti grazie alla mitica green card, l'equivalente del nostro permesso di soggiorno.

La domanda è stata inoltrata poche ore dopo l'arresto di Justin Bieber per guida in stato di ebrezza e verrà valutata dall'amministrazione guidata da Barack Obama soltanto nel caso raggiunga le 100mila sottoscrizioni. Ad oggi sono poco più di 48mile cittadini americani ad aver aderito alla proposta.

Nelle poche righe che accompagnano la richiesta, Justin viene definito pericoloso e distruttivo, un pessimo esempio per i giovani, e se ne richiede immediatamente il rimpatrio nella natia Canada. È improbabile che il governo degli Stati Uniti approvi la petizione, ma è l'intervento a gamba tesa di un altro cantante, Drake Bell, a colpire.

Bell, non nuovo ad esternazioni anti-Bieber, ha invitato i propri fan - su Twitter sono poco meno di 3 milioni - ad unirsi a questo movimento e a richiedere la rimozione forzata di Justin "dalla nostra società". Piccolo dettaglio: la carriera di Drake nel mondo della musica andava così bene che un anno fa il nostro ha accettato di partecipare ad un reality show. Quello dei tuffi. Non vorremmo dire che questa mossa contro Justin Bieber sia dettata dall'invidia, ma in realtà è proprio così.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail